Nuove piante nei boschi colpiti da Vaia e dal bostrico

Il rimboschimento da parte delle aziende proprietarie o gestrici delle foreste danneggiate, andrà effettuato con specie adeguate alle diverse zone del Trentino, che può variare anche in base ad altitudine e zona ecologica

scarpa

Contributi per 140mila euro

È rivolto alle imprese forestali e agricole trentine il nuovo bando provinciale approvato oggi dalla Giunta per la concessione di contributi destinati al rimboschimento delle aree colpite da Vaia e dai danni secondari causati dal bostrico. Il fondo messo a disposizione ammonta a 140mila euro (116.500 euro stanziati dallo Stato e ulteriori 23.500 euro dalla Provincia). La delibera è stata proposta dall’assessore provinciale alle foreste, Giulia Zanotelli con l’obiettivo di “tutelare l’ambiente e la stabilità idrogeologica delle aree colpite dalla tempesta che ha ferito il Trentino nell’ottobre 2018, attraverso il rimboschimento delle zone più fragili – spiega l’esponente dell’esecutivo -. Questo sarà un primo test per l’attivazione di ulteriori bandi, una volta approvato il secondo stralcio del Piano per l’organizzazione degli interventi di utilizzazione per la lotta fitosanitaria e di ricostituzione dei boschi danneggiati”.

Il rimboschimento da parte delle aziende proprietarie o gestrici delle foreste danneggiate, andrà effettuato con specie adeguate alle diverse zone del Trentino, che può variare anche in base ad altitudine e zona ecologica. Gli impianti finanziati dovranno avere una densità di almeno 2.000 piantine per ogni ettaro di terreno. La Giunta ha stabilito che sarà data la priorità agli interventi che prevedano la ricostituzione di boschi di protezione diretta da massi e valanghe e a quelli che includano superfici di rispetto idrogeologico delle sorgenti e delle aree protette. Inoltre, i  beneficiari si impegneranno alla manutenzione del rimboschimento effettuato per almeno cinque anni dopo la messa a dimora delle piantine. Il termine per la realizzazione dei lavori, la cui programmazione temporale deve essere contenuta nel progetto di rimboschimento, è fissata per ottobre 2023.

La modulistica, che sarà scaricabile dal sito www.forestefauna.provincia.tn.it, va presentata in allegato alla domanda di contributo entro lunedì 5 settembre 2022 esclusivamente tramite posta elettronica all’indirizzo serv.foreste@pec.provincia.tn.it. Il contributo massimo concedibile per ogni beneficiario è di 35mila euro. 

Articolo precedenteNuova ordinanza contro la siccità
Articolo successivoIncendi Fvg: decreto, 838mila euro per fronteggiare emergenza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui