Diga sul Chiascio: raggiunta la prima quota d’invaso

Effettuata una verifica dello stato di avanzamento della prima fase degli invasi sperimentali propedeutica all’entrata in esercizio dell’impianto

Foto di Margit Wallner da Pixabay

Il riempimento è iniziato nel 2021

Perugia, 31 mag. 022 – Il Vicepresidente della Regione e Assessore all’Agricoltura e Ambiente e il Presidente dell’Ente Acque Umbre Toscane (Eaut) hanno svolto questa mattina un sopralluogo congiunto alla diga di Casanova sul fiume Chiascio, nel territorio comunale di Valfabbrica. Vi hanno preso parte, tra gli altri, il Sindaco di Valfabbrica e il Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. È stata l’occasione per una verifica dello stato di avanzamento della prima fase degli invasi sperimentali propedeutica all’entrata in esercizio dell’impianto. 

   Il Vicepresidente della Regione ha potuto constatare i significativi passi in avanti compiuti ad un anno dallo sblocco dell’ultradecennale e complesso iter dei lavori che ha permesso l’avvio, nella primavera 2021, del programma di incremento dei livelli di invaso dopo il completamento delle opere di stabilizzazione del versante destro dello sbarramento, resi necessari da un fenomeno di frana.
   In questi giorni è stata, infatti, raggiunta la prima quota d’invaso, 292 metri, corrispondente a circa 16 milioni di metri cubi di acqua: lo step iniziale di un percorso che, si stima fra circa tre anni, con quattro cicli di carico e scarico di invasi sperimentali, potrà consentire di incrementare il livello di invaso fino a 305 metri, per un volume di 52 milioni di metri cubi di acqua.  
   Oggi salutiamo il completamento di questo primo passo – ha detto il Vicepresidente, ringraziando l’Eaut (Ente concessionario dei lavori e della gestione della diga) e quanti, imprese e lavoratori, si sono adoperati – della tabella di marcia che porterà all’entrata in esercizio della diga, con volumi invasati di assoluto interesse che potranno essere successivamente aumentati. 
   È un’opera di valenza strategica, innanzitutto – ha rilevato -per l’importanza della risorsa idrica: il ‘petrolio’ del futuro, da gestire in maniera razionale e intelligente per assicurare qualità della vita, con l’uso ai fini idropotabili, e quale leva formidabile per lo sviluppo competitivo della nostra agricoltura. Inoltre, dalla valorizzazione naturalistica e del paesaggio dello specchio lacustre della diga, lungo circa 20 chilometri, scaturiranno opportunità sul fronte dell’attrattività turistica, generando lavoro e implicazioni positive per la crescita complessiva del territorio in cui insiste la diga. 
 Durante il sopralluogo sono state illustrate le prospettive di possibile fruizione della risorsa idrica, insieme ai progetti della rete di adduzione già finanziati e di quelli presentati ed in attesa di finanziamento. 
  I più importanti impieghi dell’acqua dell’invaso, è stato ricordato, sono l’approvvigionamento idrico del sistema Perugino-Trasimeno (con il collegamento già in fase di progettazione da parte di Umbra Acque), l’alimentazione degli impianti già realizzati nei distretti irrigui della Valle Umbra nei territori comunali di Spello, Foligno e Montefalco, degli impianti nella piana di Trevi e a Montefalco e Bevagna e la produzione di energia idroelettrica. 
  L’Eaut è concessionaria di un finanziamento ministeriale di oltre 17 milioni di euro per la realizzazione dei lavori relativi alle “opere di adduzione primaria dalla diga sul fiume Chiascio” per i distretti irrigui della Valle Umbra ed è inserita nell’elenco degli interventi da finanziare con il Pnrr, per 15 milioni di euro, con cui sviluppare ulteriormente l’adduzione nel territorio di Montefalco.
  Ad oggi, oltre allo sbarramento e alle opere accessorie, sono state realizzate la galleria di derivazione e le condotte di adduzione fino alla località Feccioli, nel territorio comunale di Spello, per una lunghezza complessiva di circa 36 chilometri (di cui circa 6 di galleria naturale) per un importo di circa 63 milioni di euro, stanziati dal Ministero delle Politiche agricole. Tramite questa linea, gli ettari totali potenzialmente irrigabili a regime potranno essere 8.000; 185mila gli abitanti potenzialmente servibili a regime dagli acquedotti ad uso idropotabile.

Articolo precedenteAgricoltura: parere Echa su glifosato, Toscana ha scelto sostenibilità e salute
Articolo successivoChiarezza sulla normativa nazionale in materia di scarti dell’attività florovivaistica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui