Idrogeno: delegazione della Valle d’Aosta in visita a Bolzano

Allo studio modelli per usare l’energia in eccesso per produrre idrogeno verde come vettore energetico da utilizzare in alcuni settori a partire dalla mobilità

Idrogeno verde: la decarbonizzazione inizia in raffineria
Foto di André Rau da Pixabay

Come l’Alto Adige, anche la Valle d’Aosta produce un surplus annuale di energia idroelettrica

Collaborazione per una mobilità sempre più sostenibile e acquisizione di informazioni sulla produzione di idrogeno come vettore energetico per lo sviluppo sostenibile e per la mobilità: questi sono stati gli obiettivi principali della visita in Alto Adige, martedì 14 settembre, di una delegazione guidata dal Vicepresidente e Assessore allo Sviluppo economico, Formazione e Lavoro della Regione Autonoma della Valle d’AostaLuigi Bertschy. Della delegazione valdostana facevano anche parte il direttore generale di CVA Enrico De Girolamo, i dirigenti del settore energia e trasporti dell’amministrazione regionale Massimo Broccolato e Antonio Pollano e dai rappresentanti delle imprese nei settori del trasporto pubblico su gomma.

Come l’Alto Adige, anche la Valle d’Aosta produce un surplus annuale di energia idroelettrica. Sia in Alto Adige che in Valle d’Aosta sono allo studio modelli per usare l’energia in eccesso per produrre idrogeno verde come vettore energetico da utilizzare in alcuni settori a partire dalla mobilità.

Il gruppo ha visitato sia il Centro H2 per la produzione di idrogeno di Bolzano sia il deposito dell’azienda di trasporti SASA, dove è presente una stazione di rifornimento nuova a idrogeno e ha poi incontrato il Vicepresidente e Assessore alla mobilità della Provincia autonoma di Bolzano Daniel Alfreider per un incontro istituzionale.

Alfreider e Bertschy hanno discusso di possibili collaborazioni per incentivare le forme di mobilità a emissioni zero. Entrambi i rappresentanti hanno sottolineato l’importanza di una svolta ecologica nel settore della mobilità e dello sviluppo sostenibile, considerando soprattutto che l’Alto Adige e la Valle d’Aosta sono zone sensibili nelle Alpi. Per entrambi è fondamentale incentivare l’uso della energia idroelettrica per accelerare il processo di decarbonizzazione nella mobilità.

È in questo contesto che l’idrogeno – secondo Alfreider – può avere un ruolo fondamentale, ma è importante che sia prodotto da fonti rinnovabili a lungo termine”. L’assessore ha sottolineato che l’Alto Adige sta avviando importanti progetti attraverso il Recovery Fund e che la Provincia ha approvato nel 2020 un masterplan per l’idrogeno. Attraverso l’attuazione del piano è previsto che le importazioni di combustibili fossili debbano diminuire per un valore di circa 550 milioni di euro entro il 2030. Questo ridurrebbe, secondo le stime fatte, le emissioni di CO2 di circa il 45% nel settore della mobilità.

Il piano prevede inoltre di trasformare il corridoio del Brennero in un ‘corridoio verde’ con stazioni di rifornimento di idrogeno lungo il percorso e di modernizzare la flotta di SASA con nuovi autobus ad idrogeno. “Siamo convinti che la collaborazione con la Regione della Valle d’Aosta, sia a livello tecnico che politico, possa portare benefici ad entrambi con l’obiettivo di andare verso una partnership sempre più forte e strategica“, ha sottolineato Alfreider.

In Valle d’Aosta come in Alto Adige – ha evidenziato l’Assessore Bertschy – lo sviluppo sostenibile non può che basarsi principalmente sull’utilizzo dell’energia idroelettrica. E’ dunque da qui che dobbiamo partire per pensare al nostro futuro e lo studio sull’utilizzo dell’idrogeno verde si inserisce a pieno titolo in questa visione strategica e politica“.

Questa visita in Alto Adige – ha aggiunto Bertschy – è una delle tappe del percorso di studio e di approfondimento che stiamo percorrendo da alcuni mesi per capire in quali settori sarà possibile avviare dei progetti sperimentali. E’ stata una visita di grande utilità perché ci ha permesso di conoscere persone serie e competenti che ci hanno raccontato la loro esperienza, offerto la loro collaborazione e presentato in maniera trasparente le difficoltà che hanno incontrato e stanno ancora incontrando nel portare are avanti i loro progetti“.

Ringrazio Daniel Alfreider per la disponibilità e per l’attenzione dimostrata alla nostra visita – ha commentato ancora Bertschy – e sono molto contento che anche grazie ai nostri buoni rapporti, Alto Adige e Valle d’Aosta lavoreranno insieme su un tema di grande importanza come quello della transizione energetica. Con Daniel condividiamo anche la delega sugli impianti a fune e dopo avere affrontato insieme le difficoltà dello scorso inverno, stiamo lavorando assieme ad altri Assessori regionali per riuscire a definire nel più breve tempo possibile le regole per gestire la prossima stagione invernale. Per rendere più efficace la nostra azione politica a favore delle nostre comunità è fondamentale unire le forze e lavorare insieme“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui