Accordo Anci – Anbi per la difesa del suolo

L’assessore: “Per quanto riguarda la rete idraulica principale e quella secondaria nelle aree montane è di competenza della Regione e, vista la delicatezza della materia e la fragilità del territorio servono fondi per i comuni ma anche per le Regioni”

dissesto del suolo
Foto di sandid da Pixabay

Bottacin: “Mi auguro investimenti dal PNRR nel sistema idraulico e geologico”

“Bene l’accordo siglato oggi tra L’Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci) e l’Associazione nazionale dei Consorzi di gestione territorio e acque irrigue (Anbi) per la difesa del suolo, ma ricordiamo che per quanto riguarda la rete idraulica principale e quella secondaria nelle aree montane è di competenza della Regione e, vista la delicatezza della materia e la fragilità del territorio servono fondi per i comuni ma anche per le Regioni. Mi auguro che nel PNRR si tenga conto del fatto che il sistema idraulico e geologico è assolutamente complesso e richiede importanti investimenti”. 

Sono le parole dell’Assessore alla Difesa del suolo e al Dissesto idrogeologico della Regione del Veneto, Gianpaolo Bottacin, subito dopo aver appreso la notizia del protocollo d’intesa tra le due Associazioni. 

“Come Regione – ha aggiunto l’Assessore regionale – abbiamo definito, con l’Università di Padova e lo staff del professor Luigi D’Alpaos, un piano di opere che vale oltre 3 miliardi di euro per la sicurezza idrogeologica del nostro territorio; sono già stati fatti importanti investimenti per centinaia di milioni di euro ed è necessario continuare in questa direzione. Gli interventi già realizzati stanno dimostrando la loro efficacia e lo possiamo toccare con mano se guardiamo, per esempio, all’evento alluvionale del 2020 dove abbiamo registrato precipitazioni maggiori rispetto a quelle del 1966, quando in Veneto ci furono oltre 100 morti, e molto maggiori rispetto a quelle del 2010, quando mezzo Veneto finì allagato. E, nonostante ciò, nel 2020 i danni rilevati sono stati inferiori rispetto sia al 1966 che al 2010”. 

L’Assessore Bottacin chiederà “al coordinatore della Commissione Ambiente della Conferenza delle Regioni, l’Assessore Gianni Lampis della Sardegna, un’azione incisiva in tal senso all’interno della conferenza”. 

Articolo precedenteComunità energetiche: da Regione Lombardia sostegno e impulso
Articolo successivo“I Suoni di Vaia”, l’impatto emozionale di un evento tragico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui