Bonifica ambientale “Ex opificio Cozza”, la regione finanzia le spese del comune

L’intervento è stato realizzato dal Comune solo al 70%, per mancanza delle risorse necessarie in quanto nel corso dei lavori era emersa la presenza di terreni con caratteristiche impreviste.

Decreto EoW inerti
via depositphotos.com

Con un contributo di 149.653,37 euro

La Regione finanzia, con un contributo di 149.653,37 euro, il completamento dell’intervento di bonifica sul sito denominato “Ex Opificio Cozza” in comune di Caldogno, nel vicentino.

“Il progetto originale di bonifica del Comune – spiega l’Assessore all’Ambiente Gianpaolo Bottacin – prevedeva la rimozione delle coperture degli edifici presenti nelle aree soggette a bonifica, la demolizione delle strutture murarie fuori terra e il relativo smaltimento, la demolizione di una platea in cemento armato, lo scavo dei terreni contaminati”.

L’intervento è stato realizzato dal Comune solo al 70%, per mancanza delle risorse necessarie in quanto nel corso dei lavori era emersa la presenza di terreni con caratteristiche impreviste.

“Nell’ambito di una misura collegata a piccoli interventi di bonifica dedicati ai comuni – aggiunge l’Assessore – insieme ad altre realtà abbiamo riconosciuto anche la concessione del contributo a Caldogno, in modo di permettergli di completare la bonifica”.

“Nei soli ultimi due anni abbiamo stanziato oltre 40 milioni di euro per interventi di bonifica di grandi dimensioni, dimostrando un’attenzione costante per questo tipo di tematiche ambientali. – conclude Bottacin – Con l’ultimo bando abbiamo invece puntato su piccole ma urgenti opere, che fossero immediatamente eseguibili, come nel caso di Caldogno, così da dare un pronto aiuto ai Comuni. Risorse che, nel caso di specie, risultano indispensabili per la bonifica dei terreni per la restituzione agli usi legittimi del sito”.

Articolo precedenteMantova, prosegue l’iter dell’impianto pilota per il riciclo della plastica
Articolo successivoCambia il clima e nei laghi il ghiaccio sarà più fragile. Tovel nello studio internazionale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui