Incontro Regione – Mamme no PFAS

Nel corso dell’incontro si è anche fatto il punto sui nuovi piani sulle matrici alimentari. Si tratta del Piano di sorveglianza dei PFAS nei prodotti agroalimentari delle zone rossa e arancione

PFAS: commissione Ecomafie, “servono limiti nazionali uniformi”
via depositphotos.com

Il punto sulle azioni in campo per Vicenza, Verona e Padova

Oggi pomeriggio, a palazzo Grandi Stazioni a Venezia, l’assessore regionale alla sanità insieme ai tecnici regionali Francesca Russo, direttore dell’area Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria, Luca Marchesi, direttore dell’area Ambiente, alcuni dirigenti delle rispettive aree e dell’agricoltura, e Loris Tomiato, direttore generale di ARPAV, hanno incontrato i rappresentanti del Comitato “Mamme No PFAS”. L’obiettivo della riunione, la prima di aggiornamento post-pandemia, era di fare il punto della situazione rispetto alle azioni messe in atto per affrontare le problematiche sanitarie e ambientali derivanti dall’inquinamento da sostanze perfluoro-alchiliche (PFAS) relativo alle aree interessate delle province di Vicenza, Verona e Padova.

Per quanto riguarda il piano di sorveglianza sanitaria, sono stati forniti i dati aggiornati. In particolare è stato comunicato che nell’area di massima esposizione sanitaria, ad oggi, le persone invitate allo screening (che è esclusivamente su base volontaria) sono state circa 90.000 e le visite effettuate sono state 55.000. Nel settembre 2020 è iniziato il secondo round di chiamata attiva per lo screening di popolazione rivolto ai soggetti che avevano aderito alla chiamata del 2017: finora sono state invitate circa 10.000 persone (chi ha aderito al primo round da almeno due anni) e sono state effettuate 3.575 visite.

Nel corso dell’incontro si è anche fatto il punto sui nuovi piani sulle matrici alimentari. Si tratta del Piano di sorveglianza dei PFAS nei prodotti agroalimentari delle zone rossa e arancione, che include il campionamento dell’acqua di abbeverata anche per la verifica dell’autocontrollo effettuato dalle aziende zootecniche, e del Piano di monitoraggio regionale dei PFAS negli alimenti e materiali a contatto presenti sul mercato. Il piano di sorveglianza è stato elaborato in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie e prevede il controllo in via prioritaria di matrici alimentari di origine animale e di matrici alimentari vegetali prodotte da aziende per l’immissione sul mercato di tali prodotti (es. carne e uova). Nell’ambito del piano di sorveglianza si prevede di analizzare l’acqua di abbeverata e quella di irrigazione per individuare se e in che misura i PFAS eventualmente presenti nell’acqua si possono trasferire ai prodotti alimentari in funzione di diverse pratiche agro-zootecniche.

I risultati, secondo quanto dichiarato dall’Istituto Superiore di Sanità, saranno resi disponibili secondo il principio di massima trasparenza e collaborazione sempre adottato. 

Per quanto riguarda gli interventi in ambito ambientale, oltre a fare il punto sulla realizzazione dei nuovi acquedotti previsti da piano commissariale, i cui lavori sono stati realizzati per oltre il 75% e saranno completati in tempi record entro i primi mesi del 2023, è stato illustrato lo stato di qualità delle acque superficiali e sotterranee, che appare in netto miglioramento. Inoltre è stato illustrato lo stato dell’arte per quanto concerne la bonifica del sito dell’ex-Miteni di Trissino. La ditta proprietaria ha provveduto a presentare agli enti un piano di interventi e di indagini integrative rispetto a quanto finora eseguito (tra il 2015 e il 2018) che è in corso di verifica da parte dei componenti della Conferenza dei servizi. Al termine delle operazioni di dismissione degli impianti e demolizione degli edifici, che avverrà entro l’anno, è previsto di procedere all’esecuzione delle ulteriori indagini per definire modi e tempi della bonifica.

In conclusione, l’Assessore regionale alla sanità e i tecnici regionali hanno ribadito ai rappresentanti del Comitato che la Regione del Veneto è e resta a disposizione per la condivisione delle informazioni e dei dati relativi alle azioni messe in atto a livello regionale per affrontare le problematiche sanitarie e ambientali derivanti dall’inquinamento da PFAS e, soprattutto, è al loro fianco nella lotta alle stesse sostanze perfluoroalchiliche. 

Articolo precedenteLombardia verso la ‘Dichiarazione dello stato di crisi idrica regionale’
Articolo successivoVallagarina, approvato il protocollo d’intesa per la mobilità sostenibile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui