Pesca, difesa della semina delle specie ittiche alloctone

La Carta Ittica Regionale adottata a luglio di quest’anno prevede l’immissione di Salmonidi per ripopolare corsi e specchi d’acqua nel rispetto dell’habitat naturale

Pesca insostenibile
Credits: awsloley da Pixabay

Per la gestione delle popolazioni di Salmonidi in Italia settentrionale

(AVN) Venezia, 19 ottobre 2021

L’Assessore regionale alla Pesca Cristiano Corazzari parteciperà il prossimo 29 ottobre al tavolo promosso dalla Commissione Politiche Agricole della Conferenza delle Regioni per difendere la posizione assunta dal Veneto in merito alla gestione delle popolazioni di Salmonidi in Italia settentrionale.

L’Assessore Corazzari lo fa sapere indirizzando una lettera ai Presidenti delle associazioni di pesca sportiva, con i quali ha sempre ribadito l’importanza di una adeguata politica di gestione delle immissioni delle specie ittiche per salvaguardare anche un’attività sportiva e amatoriale che conta in Veneto oltre 70.000 appassionati praticanti.

“Coregone, Trota fario e Trota iridea sono tre specie, non autoctone, ma presenti da centinaia di anni nei corsi d’acqua del Veneto e la loro presenza garantisce sia una corretta gestione della fauna ittica sia il mantenimento dell’attività di pesca sportiva – fa sapere l’assessore CRistiano Corazzari -. La Carta Ittica Regionale adottata a luglio di quest’anno prevede, infatti, l’immissione di Salmonidi per ripopolare corsi e specchi d’acqua nel rispetto dell’habitat naturale. Questa scelta verrà ribadita in tutti i tavoli istituzionali perché oltre ad alimentare il comparto della pesca dilettantistico sportiva di tutto l’arco alpino sostiene l’attività di pesca professionale sui laghi del Veneto e della Lombardia. E’ giunto il momento di avere delle risposte per salvaguardare una passione e garantire ai nostri pescatori l’attività della pesca sportiva”.

“E’ necessario avviare un dialogo costruttivo con il Ministero per la Transizione Ecologica per ottenere il rilascio definitivo di una autorizzazione alla semina di tre distinte specie ittiche nelle acque regionali – conclude l’Assessore -. Un eventuale rigetto metterebbe letteralmente in ginocchio l’attività di questo settore che da sempre 
svolge questa attività nel rispetto del patrimonio ittico”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui