Plastica, il Mediterraneo è serbatoio d’Europa. Italia tra i peggiori

Più del 70% de rifiuti marini del Mediterraneo è depositato nei fondali italiani e il 77% è costituito da plastica. La situazione – grave – varia da area ad area e in base alle zone monitorate

plastica
Foto di Monica Volpin da Pixabay

L’Italia è secondo più grande produttore di rifiuti plastici in Europa e terzo tra quelli che ne disperdono in mare.

(Rinnovabili.it) – Degli 8 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno finiscono in mare, il 7% tocca alle acque del Mediterraneo, la cui concentrazione di rifiuti è pari (e superiore nel caso delle microplastiche) a quella delle cosiddette “isole di plastica”. Peggiore tra i Paesi che vi si affacciano è l’Italia, che da una parte sconta la maggiore estensione costiera nel Mediterraneo e, dall’altra, contribuisce all’inquinamento in qualità di secondo più grande produttore di rifiuti plastici in Europa e terzo tra quelli che ne disperdono in mare.

 

Nel dettaglio, più del 70% dei rifiuti marini del Mediterraneo è depositato nei fondali italiani e il 77% è costituito da plastica. La situazione – grave – varia da area ad area e in base alle zone monitorate: con 786 oggetti rivenuti e un peso complessivo superiore ai 670 kg, il Mare di Sicilia si conferma tra le discariche sottomarine più grandi del Paese, mentre nei fondali rocciosi dai 20 ai 500 m di profondità le concentrazioni più alte di rifiuti sul fondo si rilevano nel Mar Ligure (1500 oggetti per ogni ettaro) e nel golfo di Napoli (1200 oggetti per ogni ettaro). Questi i dati emersi dalle attività condotte dall’Ispra e dal Sistema per la protezione dell’Ambiente SNPA nell’ambito del progetto europeo MEDSEALITTER negli anni 2017 e 2018 in riferimento alla densità dei macrorifuti galleggianti in alto mare, vicino la fascia costiera e alla foce dei fiumi.

 

>>Leggi anche Le alternative alla plastica: ecco i materiali che premiano l’ecologia<<

 

I numeri lasciano poco spazio alle interpretazioni: se le foci dei fiumi rappresentano per densità il maggior quantitativo di rifiuti galleggianti (più di 1000 oggetti per km2), la situazione non migliora sulle coste, sulle spiagge e in mare aperto. In riferimento ai fondali italiani, nella regione Adriatico-Ionica la media degli scarti rinvenuti supera infatti i 300 rifiuti ogni km2, dei quali l’86% è plastica, in particolare usa e getta, come imballaggi industriali e alimentari, borse e bottiglie di plastica. L’area costiera a sud del delta del Po (983 rifiuti al km2), quella settentrionale (910 rifiuti al km2) e meridionale (829 rifiuti al km2) di Corfù e le acque di fronte a Dubrovnik (559 rifiuti al km2) sono le località adriatiche – ioniche con la maggiore densità di rifiuti in fondo al mare. E la situazione non migliora salendo in superficie: le quantità di macroplastiche rinvenute raggiungono una densità media che oscilla all’incirca tra i 2 e i 5 oggetti flottanti per km2, mentre la densità media delle microplastiche, ossia particelle più piccole di 5 mm, è compresa tra 93 mila e le 204 mila microparticelle per km2.

 

>>leggi anche Le microplastiche possono danneggiare la salute umana<<

 

Ad oggi, dei 27 milioni di tonnellate di rifiuti plastici prodotti ogni anno in Europa, cioè dal secondo produttore mondiale dopo la Cina, solo un terzo è riciclato, mentre il 50% in paesi come l’Italia, la Francia e la Spagna finisce ancora in discarica. Secondo il report 2019 di WWF, gli oltre 200 milioni di turisti che ogni anno visitano il Mediterraneo generano un aumento del 40% dell’inquinamento estivo da plastica, mentre i paesi mediterranei che disperdono più plastica nel Mare Nostrum sono la Turchia (144 tonnellate/giorno), la Spagna (126), l’Italia (90), l’Egitto (77) e la Francia (66).

Articolo precedenteDdl Salvamare, le ultime modifiche alla Camera
Articolo successivoDecreto Clima, gli ultimi ritocchi prima della discussione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui