Riscaldamento globale: il consumo di carne fa impennare le emissioni di metano

Dal 2007 al 2017, la crescita delle emissioni di metano è riconducibile a due cause: le perdite dalle operazioni dell’industria fossile e la produzione di cibo.

Nel 2017, le emissioni di metano sono aumentate del 9% rispetto ai primi anni del secolo

(Rinnovabili.it) – L’agricoltura e i combustibili fossili sono ugualmente responsabili di un’impennata di emissioni di metano come mai registrata prima d’ora, che mette il pianeta sulla buona strada per raggiungere un aumento delle temperature medie di ben 4° C.

A dirlo sono due studi, pubblicati su Earth System Science Data ed Environmental Research Letters, condotti dalla NASA e da Global Carbon Project, che segnalano una profonda trasformazione dagli anni 2000 ad oggi. Se prima le emissioni di metano di natura antropica dipendevano principalmente dalle attività nelle miniere di carbone, da qualche anno a questa parte non è più così.

Leggi anche Le emissioni di metano antropiche? Sono state sempre sottovalutate

Dal 2007 al 2017, la crescita delle emissioni di metano è riconducibile principalmente a due cause: le perdite dalle operazioni dell’industria fossile e la produzione di cibo che risponde ad un sempre maggiore consumo di carne. In Asia meridionale, Sud America e Africa, le crescenti attività agricole e zootecniche hanno infatti causato un picco dei livelli di metano come mai prima d’ora.

“È la prova più solida che i combustibili fossili e l’agricoltura stanno entrambi contribuendo, allo stesso modo, all’aumento dei contributi di metano nell’atmosfera”, ha dichiarato Ben Paulter, scienziato ambientale della NASA Goddard. L’unica regione che ha dimostrato di aver ridotto le emissioni tra il 2000 e il 2017 è stata l’Europa. Ciò è probabilmente dovuto alla riduzione del consumo di carne e a normative più rigorose sulle discariche, dove la decomposizione dei rifiuti rilascia metano.

Gli studi hanno utilizzato diversi modi per misurare le emissioni, comprese le osservazioni terrestri e satellitari, nonché le tendenze di consumo e produzione, efficaci nel catturare grandi fonti puntuali. Più difficili da valutare, invece, sono le emissioni delle migliaia di piccoli allevamenti sparsi per il mondo. Tuttavia, l’identificazione delle fonti di metano è un primo passo importante per capire come ridurre le emissioni.

Ad esempio, la copertura delle discariche e una migliore gestione dei bovini potrebbero avere un grande effetto di riduzione. Così come spargere il letame su un campo, piuttosto che ammucchiarlo, potrebbe aiutare a combattere le emissioni di metano.

Leggi anche Commissione Europea: l’UE si prepara alla sfida sul bilancio del metano

Nel 2017, l’anno più recente per il quale sono disponibili i dati sulle emissioni, l’atmosfera del pianeta ha assorbito quasi 600 milioni di tonnellate di metano, in crescita del 9% rispetto ai primi anni del secolo, quando le concentrazioni erano relativamente stabili.

“La CO2 è ancora la bestia da uccidere, ma il riscaldamento dal metano è il prossimo problema più importante. Agire in modo aggressivo sul metano può farci guadagnare tempo per affrontare la CO2 e ridurre di mezzo grado la temperatura”, ha affermato Rob Jackson, di Global Carbon Project. “Ma è più difficile ridurre le emissioni di un miliardo di vacche e di un miliardo di pecore, dove contano le scelte dietetiche e la gestione del letame.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui