C’è il climate change antropico dietro il 71% degli eventi climatici estremi

La letteratura scientifica che indaga il collegamento tra disastri climatici e climate change antropico, a livello globale, conferma il ruolo dell’uomo in oltre 7 casi su 10. Per le ondate di calore, la percentuale sale al 93%

Alluvione in Nord Europa: il climate change l’ha resa il 20% più probabile
By Christophe Licoppe, European Commission – https://audiovisual.ec.europa.eu/en/reportage/P-051584, Attribution, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=107640698

L’analisi di Carbon Brief degli studi scientifici sugli eventi climatici estremi

(Rinnovabili.it) – Sette eventi climatici estremi su 10 (71%), negli ultimi 20 anni, sono stati resi più probabili o più intensi dal cambiamento climatico di origine antropica. La percentuale varia molto a seconda della tipologia. Le più influenzate sono le ondate di calore, per le quali il ruolo del climate change guidato dall’uomo è provato nel 93% dei casi (152 in tutto). Poi tocca alla siccità con il 68% e alle alluvioni con il 56%.

Sono i dati pubblicati da Carbon Brief con l’ultimo aggiornamento annuale della sua mappa globale degli eventi climatici estremi. Il database non è esaustivo, include quegli eventi per cui sono disponibili studi scientifici che valutano l’evento dal punto di vista della scienza dell’attribuzione. Si tratta di una branca della scienza del clima nata nei primi anni 2000 che studia la relazione fra un evento estremo e il climate change antropico, in particolare se e quanto il riscaldamento globale lo ha reso più intenso o più probabile. La prima edizione della mappa, pubblicata nel 2017, fissava al 68% il numero di eventi influenzati dalla crisi climatica.

Leggi anche Caldo record, mai così bollente l’estate in Europa

“Il 9% degli eventi o delle tendenze è stato reso meno probabile o meno grave dai cambiamenti climatici, il che significa che l’80% di tutti gli eventi ha subito un qualche impatto umano”, aggiunge Carbon Brief. “Il restante 20% degli eventi e delle tendenze non ha mostrato alcuna influenza umana o è risultato inconcludente”.

Pochi gli eventi avvenuti in Europa per i quali non ci sono prove dell’influenza del climate change, oppure i dati disponibili sono inconclusivi. Per lo più si tratta di studi che riguardano precipitazioni anomale e tempeste. Sostanzialmente tutte collegate al climate change antropico, invece, le ondate di calore. I più recenti disponibili riguardano le alluvioni eccezionali sull’Europa centrale, in particolare su Germania e Belgio, di luglio 2021, e l’anomalia termica di tutta l’estate 2021, la più calda di sempre per l’Europa.

Leggi anche Ecco le prove: c’è la crisi climatica dietro l’alluvione in Nord Europa

Articolo precedenteUn impianto di metanolo e idrogeno circolare per Empoli
Articolo successivoRiscaldare l’acqua in maniera più efficiente: dal MIT la soluzione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui