Perdita di neve, i manti nevosi spariscono al ritmo del 10-20% ogni 10 anni

Uno studio apparso su Nature quantifica l’impatto del riscaldamento globale – al netto della variabilità sul breve periodo – sulle riserve idriche stoccate sotto forma nevosa che riforniscono i principali bacini idrografici dell’emisfero Nord. La soglia di non ritorno scatta quando la temperatura media invernale è più alta di -8°C

Perdita di neve: il climate change rosicchia il 10-20% ogni decennio
Foto di Denys Nevozhai su Unsplash

Lo studio condotto dai ricercatori del Dartmouth College

(Rinnovabili.it) – Il riscaldamento globale in alta quota rischia di innescare crisi dell’acqua nei bacini idrografici più popolosi al mondo. Sono molti i bacini ormai prossimi alla soglia di non ritorno: una volta che le temperature medie invernali superano i -8°C, la perdita di neve accelera anche con aumenti solo modesti della temperatura. Lo afferma uno studio del Dartmouth College pubblicato su Nature.

Uno studio che fa luce su un aspetto controverso: qual è l’effetto del cambiamento climatico sui manti nevosi, e quindi sulle riserve d’acqua che svolgono un ruolo cruciale per la sicurezza idrica di miliardi di persone? Le evidenze sono in parte contraddittorie, anche a fronte di un’elevata variabilità da anno ad anno. E manca ancora un consenso scientifico su questo punto.

Leggi anche C’è sempre meno neve in Italia: come cambiano le Alpi (e lo sci) con la crisi climatica

Il lavoro dei ricercatori statunitensi evidenzia con chiarezza che – al di là della variabilità nel breve periodo – il trend sul lungo termine indica una perdita di neve consistente e rapida in gran parte dell’emisfero settentrionale.

L’analisi dei dati condotta nello studio – relativi a 169 bacini idrografici tra il 1981 e il 2020 – rivela che i manti nevosi stagionali si sono ridotti in modo significativo negli ultimi 40 anni a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo. Le riduzioni più marcate legate al riscaldamento globale arrivano anche a -10-20% ogni decennio e si verificano in particolare negli Stati Uniti sudoccidentali e nordorientali e nell’Europa centrale e orientale.

Leggi anche La durata del manto nevoso è crollata. Ce lo racconta il ginepro delle Alpi

“Entro la fine del 21° secolo, prevediamo che questi luoghi saranno quasi senza neve entro la fine di marzo. Siamo su quella strada e non siamo particolarmente adattati quando si tratta di scarsità d’acqua”, spiegano gli autori. La situazione non è omogenea. Per l’80% dei manti nevosi dell’emisfero Nord, quelli alle latitudini e ad altezze maggiori, la perdita di neve è stata minima. Ma per il restante 20% il calo è vistoso. Ed è proprio da queste ultime aree che dipendono la maggior parte delle riserve idriche usate oggi.

Articolo precedenteRecord per la crescita delle fonti rinnovabili nel 2023: +510 GW
Articolo successivoCome l’andamento dei prezzi delle materie prime incide sulla sicurezza alimentare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!