Un terzo della popolazione mondiale esprime scetticismo climatico

L’esperimento dell’Università di Ginevra pubblicato su Nature mostra che lo scetticismo sul cambiamento climatico è molto più diffuso

scetticismo climatico
Foto di Mika Baumeister su Unsplash

Il lavoro di aziende e lobby per alimentare scetticismo climatico sta funzionando

(Rinnovabili.it) – Lo scetticismo sul cambiamento climatico è molto più radicato nelle nostre società di quanto pensiamo. Difficilmente rispondereste ad un quiz scegliendo come quota di potenziali negazionisti la risposta che dice “un terzo della popolazione mondiale”. E invece è proprio questo il risultato di una ricerca svolta dall’Università di Ginevra. Un team della facoltà di psicologia ha ottenuto i dati con una rilevazione svolta su quasi 7 mila persone in 12 paesi, sia del Nord che del Sud globale. 

Il loro lavoro è uscito su Nature e la conclusione è che occorre fare di più per contrastare la disinformazione sul cambiamento climatico. Sebbene il consenso scientifico sulla responsabilità umana – riaffermato dal sesto rapporto del panel intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) – esista da decenni, una porzione significativa della popolazione ne dubita o lo contesta. La disinformazione diffusa, che incendia un dibattito che sarebbe già finito da decenni, è figlia del lavoro sotterraneo di alcune aziende e lobby.

Questi gruppi di interesse giocano sul fatto che i messaggi del dibattito pubblico raggiungono l’opinione pubblica, ma non vengono assorbiti in modo neutrale. Devono fare i conti con aspetti culturali e visioni del mondo radicate nelle nostre società. Toccare alcuni tasti piuttosto che altri, cercando di confermare pregiudizi esistenti piuttosto che proporre un pensiero più complesso e “faticoso”, riscuote maggior successo. 

L’impatto della disinformazione climatica

Il test per verificare questa tendenza e il suo impatto è stato svolto suddividendo i 6.816 partecipanti in otto gruppi. Due sono stati impiegati come “controlli”, mentre sei sono stati sottoposti a strategie psicologiche di vario tipo: in alcuni casi sono stati inclusi in programmi di piantumazione di alberi, in altri gli è stato chiesto di valutare dichiarazioni scientifiche sul cambiamento climatico, o ancora di discutere approfonditamente sulle cause e le azioni di mitigazione possibili. 

Dopo questa esposizione a messaggi o comportamenti coerenti con il consenso scientifico sul climate change, si è passati alla seconda fase. Ciascun gruppo è stato esposto a 20 informazioni false o distorte, dieci sulla scienza del clima e dieci sulla politica climatica. È bastato questo a far crollare la fiducia acquisita con lo sforzo precedente. La disinformazione è quindi estremamente persuasiva, apparentemente più dell’informazione scientifica. Il che fa gioco a chi la promuove, molto meno alle sorti dell’umanità sul pianeta.

Articolo precedenteLa Spagna ha deciso: uscita dal nucleare entro il 2035
Articolo successivo5 buoni motivi per essere ottimisti sulla lotta alla crisi climatica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!