Degrado del suolo: perdiamo 24mld di tonn di terreno fertile l’anno

Il degrado del terreno, assieme all’impatto dei cambiamenti climatici, costringerà 50-700 milioni di persone a migrare, aumentando l’instabilità sociale e danneggiando in maniera irreversibile i servizi ecosistemici

Degrado del suolo

 

Il degrado del suolo sta spingendo il Pianeta verso la 6a estinzione di massa

(Rinnovabili.it) – Il degrado del suolo minaccia il benessere di due quinti della popolazione mondiale. Mai come in questi anni, agricoltura intensiva, deforestazione, urbanizzazione e inquinamento stanno mettendo alla prova la produttività del territorio e la sua capacità di mantenere in funzione servizi ecosistemici fondamentali per il Pianeta. Le Nazioni Unite tornano oggi sull’argomento, a pochi mesi dal lancio del Global Land Outlook, per innovare un grido d’allarme fin’ora inascoltato: è necessario fermare subito la distruzione del territorio.

App Sentinella di Junker
#ADV

E lo fa dalle pagine della prima valutazione globale sul degrado del suolo. Il rapporto è stato redatto dalla Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES) e presentato lunedì 26 marzo a Medellín, in Colombia. È il frutto di ben tre anni di lavoro da parte di oltre 100 scienziati e mira a fornire dati puntuali su una minaccia meno nota rispetto al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità, ma strettamente connessa ad entrambe e già oggi responsabile di forti ripercussioni a livello economico e sociale.

Attualmente, infatti, la crisi del suolo colpisce circa 3,3 miliardi di persone, costando al mondo addirittura il 10 per cento del PIL globale. Il Global Land Outlook aveva fornito le prime stime: le pressioni antropiche stanno mandando in fumo 24 miliardi di tonnellate di terreno fertile l’anno. Senza misure correttive la situazione è destinata a precipitare. “Man mano che la terra diminuisce e le popolazioni aumentano, questo problema diventerà sempre più difficile da risolvere”, spiega Robert Scholes, co-presidente della valutazione IPBES assieme al dott. Luca Montanarella.

 

Gli scienziati avevano già puntato il dito contro il responsabile principale, ossia il settore agricolo che, tra pratiche insostenibili, colture intensive e land grabbing, sta accelerando fenomeni di desertificazione e improduttività. A fine 2014, oltre 1,5 miliardi di ettari di ecosistemi naturali risultavano convertiti in terre coltivabili e oggi campi e pascoli coprono ora più di un terzo della superficie terrestre. Ma il documento della piattaforma ONU va oltre, portando sotto i riflettori su i fattori antropici dannosi.

Meno del 25% della superficie terrestre è sfuggito ai danni dell’attività umana e per il 2050, gli esperti IPBES stimano che questo valore sarà sceso sotto il 10%. Il rapporto afferma che l’aumento della domanda alimentare e di biocarburanti porterà probabilmente a una continua crescita degli apporti di sostanze nutritive e chimiche e uno spostamento verso sistemi di produzione zootecnica industrializzati, raddoppiando l’uso di pesticidi e fertilizzanti entro il 2050. Un attacco su tutti i fronti che, aggiunge Scholes, “sta spingendo il pianeta verso una sesta estinzione di massa”.

 

Non solo. “Tra poco più di tre decenni, si stima che 4 miliardi di persone vivranno in terre siccitose”, conclude Scholes. “A quel punto è probabile che il degrado della terreno, insieme ai problemi strettamente correlati dei cambiamenti climatici, costringerà 50-700 milioni di persone a migrare. Inoltre, la diminuzione della produttività del suolo rende le società più vulnerabili all’instabilità sociale, in particolare nelle zone aride, dove anni con precipitazioni estremamente basse sono stati associati a un aumento fino al 45% in conflitti violenti”.

Articolo precedenteAustralia: sorpasso storico delle rinnovabili sulle fossili
Articolo successivoIl Bürgenstock Resort Lake Lucerne premiato per l’ecosostenibilità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui