ONU: lo scioglimento dell’Artico è ormai un fenomeno inevitabile

Pubblicato il rapporto delle Nazioni Unite sull’innalzamento delle temperature nella regione artica: entro il 2050 le medie potrebbero superare i +5°C rispetto l’era preindustriale

artico temperatureA rischio anche le aree coperte dal permafrost artico, il cui scioglimento causerebbe il rilascio di immense quantità di metano nell’atmosfera

 

(Rinnovabili.it) – Il riscaldamento del polo Nord è ormai un evento inevitabile: entro il 2050, le temperature nell’Artico dovrebbero subire un rialzo tra i 3 e i 5° C rispetto all’epoca preindustriale ma potrebbero persino toccare i +9° C nel peggior scenario. A sostenere la tesi, lo studio “Global Linkages – a graphic look at the changing Arctic” coordinato tra le Nazioni Unite e GRID-Arendal inserito tra i documenti del Global Environment Outlook, il sesto rapporto sullo stato di salute dell’ecosistema Terra.

 

La certezza del surriscaldamento dell’Artico ha portato gli scienziati a considerare le inevitabili conseguenze: non solo l’innalzamento del livello dei mari che minaccerebbe gl’insediamenti costieri umani e animali, lo scioglimento delle regioni artiche e in particolare del permafrost potrebbe causare il rilascio nell’atmosfera di grandi quantità di metano, uno dei principali gas serra. Si verrebbe a verificare così un’escalation nel riscaldamento globale dagli esiti imprevedibili.

 

>>Leggi anche Il riscaldamento globale degli ultimi 2 secoli in un video di 1 minuto<<

 

Secondo lo studio, anche rispettando gli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi, circa il 50% del permafrost artico rischia di sciogliersi. Pur azzerando immediatamente le emissioni di CO2, l’Artico rischierebbe un innalzamento di temperature di oltre 5°C entro la fine del secolo.

Non si tratta solo di contenere le emissioni future: secondo il rapporto dell’ONU, la quantità di CO2 già rilasciata nell’atmosfera, insieme a quella assorbita e raccolta dalle masse oceaniche, rappresenterebbe una riserva di calore più che sufficiente per determinare l’innalzamento delle temperature a livello locale e globale.

 

“Quello che succede nell’Artico non rimane solo nell’Artico – ha spiegato Joyce Msuya, direttrice esecutiva della sezione Ambiente dell’ONU – Abbiamo dalla nostra le conoscenze scientifiche: ora dobbiamo mettere in campo azioni climatiche urgenti che possano scongiurare il rischio di raggiungere il punto di non ritorno”.

 

>>Leggi anche Il riscaldamento globale cambierà il colore degli oceani<<

Articolo precedenteBrasile, il Governo imbavaglia l’Agenzia per la protezione ambientale
Articolo successivoStoccaggio chimico dell’idrogeno, più sicuro ed economico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui