Perdita di biodiversità: un milione di specie viventi sono in via di estinzione

Organizzata dal WWF insieme al Club di Roma, l’Aurelio Peccei Lecture 2019. Dl palco, Sir Robert Watson avverte: la natura offre enormi opportunità di adattamento e mitigazione, ma politica e governanti le devono saper riconoscere

biodiversità
Credit: Pixabay

 

(Rinnovabili.it) – Riflettori puntati sulla perdita di biodiversità. Negli ultimi 50 anni, l’intervento umano ha significativamente aumentato la propria impronta sul patrimonio naturale, trasformando il 75% della superficie delle terre emerse, provocando impatti cumulativi per il 66% delle aree oceaniche e distruggendo l’85% delle zone umide. Un bilancio insostenibile che si aggrava di anno in anno e che ha dato il via a quella che gli esperti chiamano la sesta estinzione di massa (la prima provocata dall’uomo): un milione di specie viventi rischia di scomparire per sempre nei prossimi decenni, generando danni a cascata su tutta la catena ecosistemica (leggi anche Oltre un milione di specie animali e vegetali a rischio estinzione).

 

A ricordarci i pericoli  legati alla perdita di biodiversità è oggi Sir Robert Watson, chimico dell’atmosfera tra i più illustri ed autorevoli nel campo della lotta ai mutamenti climatici e presidente, fino al maggio scorso, dell’Intergovernamental Science Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services. Waston è stato il relatore della Aurelio Peccei Lecture 2019, organizzata stamane dal WWF Italia, dalla Fondazione Aurelio Peccei e dal Club di Roma con il sostegno di Novamont.

I cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità non possono più essere considerati questioni separate, devono essere affrontate insieme e ora”, ha spiegato Sir Robert Watson nel corso del suo intervento. “Compromettono lo sviluppo economico, minacciano la sicurezza alimentare e delle risorse idriche e la salute umana, colpiscono principalmente i poveri e possono portare a conflitti. È essenziale che i governi, insieme al settore privato, affrontino immediatamente questa emergenza”.

 

Un’emergenza che, è bene sottolinearlo, ha enormi impatti anche a livello economico: tra il 1997 e il 2011 il mondo ha perso circa 4-20.000 miliardi di dollari all’anno a causa del consumo eccessivo e scorretto del suolo e 6-11.000 miliardi di dollari l’anno per il degrado. Eppure, tra impollinazione delle colture, depurazione delle acque, protezione dalle inondazioni e sequestro del carbonio, la biodiversità ci offre gratuitamente servizi ecosistemici dal valore parti ad una volta e mezza le dimensioni del PIL globale. Un vero e proprio “bottino” che l’umanità sta letteralmente sperperando.

Come spiegato nel corso della mattinata dallo stesso Sir Robert Watson, la Natura offre anche enormi opportunità di adattamento e mitigazione nella lotta al climate change. Per cogliere tali opportunità, è però necessaria una politica globale che affronti tutti i fattori, diretti e indiretti, che contribuiscono alla perdita di biodiversità, riconoscendo la connessione con i cambiamenti climatici e gli altri cambiamenti globali in atto, replicando e ridimensionando le politiche e i progetti di successo, trasformando i sistemi economici e finanziari, eliminando i sussidi dannosi per l’energia, i trasporti, e l’agricoltura, incorporando il capitale naturale nel processo decisionale, fornendo incentivi per stimolare la produzione e il consumo sostenibili ed avviando un processo di economia circolare.

Tutti i materiali della Peccei Lecture 2019, compresa la presentazione tenuta da Watson, sono scaricabili qui.

>>Leggi anche: “La perdita di biodiversità mette a rischio la sicurezza alimentare”<<

Articolo precedenteAerei elettrici con batterie litio-zolfo, la promessa Oxis Energy
Articolo successivoWEO 2019, non esiste una soluzione semplice per la transizione energetica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui