Azione climatica globale: nessun settore è sulla traiettoria giusta

Dei 40 indicatori considerati, più della metà (21) sono etichettati “molto fuori strada” mentre 5 indicatori non solo non migliorano ma vanno proprio nella direzione sbagliata.

Azione climatica: dal paradigma dell’estrazione a quello della cura
Foto di No-longer-here da Pixabay

Il rapporto di WRI sullo stato dell’azione climatica globale

(Rinnovabili.it) – Nessun ambito dell’azione climatica globale è sulla giusta strada per rispettare il Paris agreement. E anche se ci sono dei segni di progresso “incoraggianti”, in molti casi la traiettoria va cambiata radicalmente. Carbone, trasporto pubblico, intensità di carbonio dell’industria energivora, deforestazione e diete individuali sono i settori più critici.

Il giudizio senza appello è del World Resource Institute, che ha analizzato nello State of Climate Action 2022 i progressi nell’accelerare l’azione per il clima nei settori che rappresentano circa l’85% delle emissioni globali di gas serra (energia, edifici, industria, trasporti, foreste e terreni, cibo e agricoltura). E li ha confrontati con quelli necessari entro il 2030 e il 2050 per limitare il riscaldamento a 1,5°C.

Leggi anche Stoccolma 50 anni dopo, un manifesto per l’azione climatica

Dei 40 indicatori considerati, più della metà (21) sono etichettati “molto fuori strada” mentre 5 indicatori non solo non migliorano ma vanno proprio nella direzione sbagliata. Dove è necessaria un’inversione a U? Nel trend di generazione elettrica da carbone senza cattura di CO2 e nell’intensità di carbonio dell’industria dell’acciaio. I viaggi in auto aumentano mentre dovrebbero diminuire del 4-14% al 2030. Sul fronte degli ecosistemi, il trend peggiore è quello della perdita di mangrovie, tra i migliori pozzi di carbonio. Infine, il sistema alimentare: le emissioni agricole dovrebbero diminuire del 22% sui livelli del 2017 entro fine decennio, invece crescono.

I segnali positivi nell’azione climatica globale però non sono pochi. La corsa dell’energia pulita è in aumento in tutto il mondo. Dal 2019 al 2021 la generazione solare è cresciuta del 47% e quella eolica del 31%. Promossa anche la diffusione delle auto elettriche. Nel 2021 gli EV rappresentano quasi il 9%delle vendite di autovetture, raddoppiando rispetto all’anno precedente. La quota globale di veicoli elettrici a batteria e a celle a combustibile nelle vendite di autobus segna un aumento di oltre 20 volte in meno di un decennio.

Leggi anche Overshoot day 2022, il 15 maggio l’Italia sfora i limiti del pianeta

“Lo scollamento tra gli ingenti finanziamenti necessari per affrontare la crisi climatica e le modeste somme stanziate dai governi è sorprendente”, dichiara Helen Mountford della ClimateWorks Foundation, che ha contribuito al report. “Considerando come i governi si sono mobilitati per combattere la pandemia di COVID-19 e per rispondere alla crisi energetica, è chiaro che i governi non stanno trattando il cambiamento climatico con l’urgenza che richiede”.

Articolo precedenteGreenItaly 2022, verde è meglio
Articolo successivoCrisi climatica, l’impatto sulla salute secondo il Lancet Countdown 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!