L’UE pompa 3,9 mld nella transizione verde dell’Europa contro USA e Cina

Approvati due pacchetti di aiuti di stato proposti da Francia e Germania. Finanzieranno la gigafactory di Northvolt, che produrrà 60 GWh di batterie pari a circa 1 mln di auto elettriche l’anno. E uno schema francese di crediti d’imposta per aziende attive in moduli pv, turbine eoliche, pompe di calore e relative materie prime critiche

Transizione verde Europa: 3,9 mld per batterie, pv, eolico
Foto di Markus Spiske su Unsplash

¼ degli aiuti di stato approvati finiranno alla gigafactory di Northvolt in Germania

(Rinnovabili.it) – Quattro miliardi di euro per blindare la transizione verde dell’Europa dalla competizione con Stati Uniti e Cina. Al centro, batterie per auto elettriche, moduli fotovoltaici, turbine eoliche, pompe di calore, e i materiali critici necessari per costruirle. È la mossa decisa ieri dalla Commissione con il via libera a due pacchetti di aiuti di stato destinati a Germania e Francia.

“La produzione di componentistica net-zero in Europa è di interesse strategico per l’economia e la società europea. Ha un’immensa importanza per raggiungere i nostri obiettivi in mobilità pulita, sostenibilità e competitività”, ha sottolineato la vice-presidente dell’esecutivo UE con delega alla competizione Margrethe Vestager.

Un’iniezione da 3,9 mld nella transizione verde dell’Europa

Un quarto degli aiuti di stato – in tutto 3,9 miliardi di euro – approvati dalla Commissione arriveranno a Northvolt dalle casse della Germania. L’azienda svedese potrà così investire nella creazione di una gigafactory a Heide. I 902 milioni di euro, di cui 700 a fondo perduto, metteranno il turbo alla produzione per batterie per veicoli elettrici avanzati e ad alta efficienza L’impianto di Northvolt dovrebbe avere una capacità annuale di 60 GWh, sufficienti per 800mila-1 milione di auto elettriche all’anno, a seconda delle dimensioni della batteria. L’avvio della produzione è previsto per il 2026 e la piena capacità produttiva nel 2029.

“L’aiuto consentirà agli investimenti di Northvolt in un gigafactory di produrre batterie per veicoli elettrici in Europa anziché negli Stati Uniti. È la prima misura individuale approvata in linea con l’eccezionale possibilità nell’ambito della crisi temporanea e del quadro di transizione. Permette di fornire un numero maggiore di aiuti se l’investimento è a rischio di essere deviato dall’Europa a causa della disponibilità di sussidi stranieri”, ha sottolineato Vestager.

I restanti 2,9 miliardi approvati dalla Commissione a supporto della transizione verde dell’Europa riguardano invece aiuti statali della Francia a una serie di industrie d’oltralpe. Lo schema ha la forma di crediti d’imposta a cui potranno accedere aziende attive nella produzione di batterie, pannelli solari, turbine eoliche e pompe di calore, inclusi i componenti chiave necessari per questi prodotti e le relative materie prime critiche.

Articolo precedenteLitio, rame, scandio: la Norvegia pescherà le risorse minerarie sui fondali oceanici
Articolo successivoCreato un nuovo materiale fotovoltaico per le celle multigiunzione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!