Rapporto rifiuti urbani 2014: tutti i dati Ispra on line

Disponibile sul sito web dell’Istituto il volume contenente tutti i dati locali relativi alla produzione e alla raccolta differenziata per tutte le frazioni merceologiche

Rapporto rifiuti urbani 2014: tutti i dati Ispra on line(Rinnovabili.it) – Nel 2013 la produzione nazionale dei rifiuti urbani ha toccato i 29,6 milioni di tonnellate, registrando una riduzione di quasi 400 mila tonnellate rispetto all’anno precedente e proseguendo sulla stesso trend di contrazione che aveva già contraddistinto il 2012 e il 2011. Nello stesso periodo, la percentuale di raccolta differenziata si attestata al 42,3% circa, facendo rilevare una crescita di oltre 2 punti rispetto al 2012. A fornire puntualmente l’analisi dei dati è l’Istituto Superiore per la ricerca e la protezione ambientale, attraverso la pubblicazione dell’annuale Rapporto rifiuti urbani. Il documento ricorda come nonostante la differenziata si cresciuta, non venga ancora conseguito l’obiettivo fissato dalla normativa per il 2008 (45%).

In valore assoluto, la raccolta differenziata si attesta a 12,5 milioni di tonnellate, con una crescita, di poco inferiore, tra il 2012 e il 2013, a 530 mila tonnellate (+4,4%). Nel Nord la raccolta si colloca a 7,4 milioni di tonnellate, nel Centro a 2,4 milioni di tonnellate e nel Sud a 2,7 milioni di tonnellate.

 

Il volume, che nella sua versione integrale è disponibile da oggi on line sul sito www.isprambiente.gov.it, contiene tutti i dati locali (regionali e provinciali, compresi i capoluoghi di provincia) relativi alla produzione e alla raccolta differenziata per tutte le frazioni merceologiche. Nei diversi capitoli uno spazio è riservato anche alla localizzazione e descrizione degli impianti di gestione. Inoltre fornisce informazioni sui costi dei servizi di igiene urbana e sull’applicazione del sistema tariffario, presentando anche una ricognizione dello stato di attuazione della pianificazione territoriale aggiornata all’anno 2014.

Articolo precedenteCambiamento climatico: i dubbi sul Green Climate Found
Articolo successivoDeforestazione e omicidi: in Perù attivisti minacciati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui