Rinnovabili • Crisi ecologica: nasce il Nature Positive Network per le aziende italiane

Crisi ecologica, nasce il Nature Positive Network per le aziende italiane

PremiumContenuto
Premium

La rete promuove best practice per il ripristino della natura in un’ottica che va al di là dei semplici interventi per compensare le emissioni. Accompagna con un supporto tecnico le aziende verso l’individuazione di azioni che promuovano un’economia della biodiversità. E fa dialogare privati e enti di gestione del territorio a diversi livelli

via depositphotos.com Indice dei contenuti Toggle La crisi ecologica minaccia metà del PIL globaleIl peso della crisi ecologica per l’economiaLa rete italiana per un’economia nature-positiveCome funziona il Nature Positive Network? La crisi ecologica minaccia metà del PIL globale Diffondere in Italia modelli di business capaci di migliorare lo stato di conservazione degli ecosistemi. Un’economia che aiuti il territorio ad adattarsi al cambiamento climatico. Diventando, allo stesso tempo, più resiliente e competitiva di fronte alla crisi ecologica. E’ l’obiettivo del Nature Positive Network, l’iniziativa di Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e Autorità di Bacino Distrettuale del Po lanciata il 20 giugno. Il peso della crisi ecologica per l’economia Senza natura non c’è economia. È il messaggio lanciato da diversi studi che negli ultimi anni hanno provato a quantificare il contributo che gli ecosistemi in buona salute forniscono all’economia globale. La distruzione della natura, secondo le stime del World Economic Forum, mette a repentaglio le risorse che attualmente generano circa la metà del PIL globale. Ovvero circa 44mila miliardi di dollari. Solo l’impatto della perdita di impollinatori selvatici, pesca marina e legname proveniente dalle foreste tropicali potrebbe ridurre il PIL globale di circa 2.700 miliardi di dollari all’anno entro il 2030. Su…
About Author / La Redazione