Ecodesign: l’UE vuole smarphone più longevi, riparabili ed efficienti

La Commissione UE propone un regolamento delegato sull’etichettatura energetica per favorire l’ecodesign di smarphone e tablet

ecodesign
Via depositphotos.com

Le nuove norme prevedono che l’ecodesign dei prodotti farà risparmiare 14 TWh entro il 2030

(Rinnovabili.it) – Aumentare la durata di smartphone e tablet, migliorare l’efficienza e la riparabilità. Sono gli obiettivi del nuovo regolamento delegato proposto dalla Commissione Europea per implementare le norme sull’ecodesign e il piano d’azione sull’economia circolare.

Cosa cambia? Intanto l’energia spesa nei processi produttivi. Cellulari e tablet prodotti secondo queste regole dovrebbero risparmiare ogni anno quasi 14 terawattora di energia primaria entro il 2030. In pratica, si tratta di un taglio pari al 30% del consumo attuale. 

Le nuove regole contribuiranno anche a ottimizzare l’uso di materie prime critiche e a facilitarne il riciclo. Viene poi introdotta un’etichettatura energetica, che dovrà fornire le informazioni al consumatore sull’efficienza di smartphone e tablet immessi sul mercato  europeo. L’etichetta dovrà anche dichiarare la longevità della batteria e la resistenza agli urti. Questi prodotti avranno poi, per la prima volta, un punteggio di riparabilità

Oltre a dare evidenza delle performance dei loro dispositivi, i produttori dovranno anche rispettare alcuni standard. Le batterie, ad esempio, dovranno sostenere almeno 800 cicli di carica e scarica mantenendo almeno l’80% della loro capacità iniziale. I pezzi di ricambio, invece, dovranno essere disponibili entro 5-7 giorni lavorativi per chi ripara questi oggetti. Non solo, ma devono essere reperibili per 7 anni dopo il loro ritiro dal mercato. Anche il software deve seguire questo trend, perciò deve garantire aggiornamenti per almeno 5 anni dall’immissione in commercio.

Secondo Thierry Breton, Commissario al mercato interno, “i cittadini dell’UE avranno dispositivi più robusti e durevoli, per i quali saranno disponibili parti di ricambio e aggiornamenti del sistema operativo. E l’economia dell’UE ne guadagnerà, riducendo la necessità di materie prime importate”.

Stati membri e Parlamento Europeo avranno ora due mesi di tempo per analizzare la proposta e formulare eventuali obiezioni. Seguirà l’adozione da parte della Commissione UE e poi un periodo di adattamento di 21 mesi, prima dell’effettiva entrata in vigore delle nuove misure.

Articolo precedenteAncora incentivi al carbone: la proposta che mette a rischio la riforma del mercato elettrico
Articolo successivoLegno stampato in 3D, il progetto WoodenWood trasforma gli scarti in prezioso inchiostro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!