Gli esseri umani sono il miglior indicatore della presenza di microplastiche nei fiumi

Uno studio della Saint Louis University ha cercato di far chiarezza sui processi idrologici e le variabili relative alla sorgente nella distribuzione della microplastica fluviale

microplastiche nei fiumi
By Kbh3rd – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=20670076

Microplastiche nei fiumi, analizzati 19 siti “sorgente” lungo il Meramec

(Rinnovabili.it) – Lì dove vivono gli umani, ci saranno microplastiche: gli scienziati della Saint Louis University hanno ratificato questa sentenza con uno studio, pubblicato su Environmental Pollution, che analizza in particolare il fiume Meramec nel Missouri.

La ricerca è stata guidata dal professore di biologia dell’Istituto WATER dell’ateneo e scienziato del  National Great Rivers Research and Education Center Jason Knouft, e dalla professoressa  associata di scienze della Terra e dell’atmosfera e direttore associato dello stesso istituto Elizabeth Hasenmueller, e ha analizzato la presenza di microplastiche in 19 siti del fiume Meramec, in diverse posizioni: a valle, nell’area metropolitana e nelle aree rurali, caratterizzate da meno popolazione. 

Quello che abbiamo scoperto è che la presenza umana fondamentalmente ci diceva anche dove erano le microplastiche” ha spiegato Hasenmueller. “La distribuzione delle microplastiche non è stata determinata da flussi fluviali o sedimenti. Invece, era per lo più legata alla vicinanza del sito agli input delle acque reflue o di una città. Questo tipo di cose erano i più grandi predittori.”

leggi anche Gulp cattura le microplastiche degli scarichi della lavatrice

Microplastiche nei fiumi e oltre, un problema pervasivo

Per capire dove si trovassero le microplastiche nei fiumi e a quali livelli i ricercatori hanno esaminato i sedimenti fluviali con la modellazione idrologica, valutando l’importanza degli scarichi, la quantità di sedimenti, la copertura del suolo circostante e la presenza di siti di scarico di acque reflue nelle vicinanze. 

Quello che hanno scoperto è che l’indicatore più efficace della presenza di microplastiche erano gli insediamenti umani. Ma c’è dell’altro, perché la presenza di microplastiche era nettamente al di sopra delle loro aspettative: “Sapevamo che le microplastiche sarebbero state lì, ma la quantità di plastica era ovunque,” ha spiegato Hasenmueller. “Ho pensato che ci potrebbe essere più di una influenza di scarico del flusso e carichi di sedimento sulla distribuzione di quello che abbiamo visto, che mi ha sorpreso“.

La quantità era talmente elevata da indurre i ricercatori a riflettere su come rispondere al problema: 

Penso che la soluzione più grande per risolvere il problema delle microplastiche è anche una delle soluzioni più difficili: ridurre la quantità di plastica che usiamo,” ha detto Hasenmueller. “Quasi tutto è plastica; i nostri vestiti contengono plastica, cibo e acqua sono conservati in plastica, e tutte queste cose diverse nella nostra vita quotidiana sono di plastica. Quindi avere grandi aziende che riducono la quantità di plastica nei prodotti potrebbe essere di impatto perché come consumatori possiamo fare solo fino a un certo punto“.

leggi anche Il robot-pesce acchiappa microplastiche

Articolo precedenteStudio Greenpeace: allevamenti intensivi e deforestazione distruggono la biodiversità
Articolo successivoRinnovAzioni: l’educazione sostenibile, in pratica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui