Dal cimitero di Lipsia, l’enzima mangia-plastica super-efficiente

Nell’arco di 16 ore, PHL7 ha decomposto il PET al 90%, mentre il suo rivale LCC – finora l’enzima considerato più performante – si è fermato appena a un livello di degrado del 45%. In 24 ore ha decomposto un intero cestino di plastica

Enzima mangia-plastica: scoperto PHL7, degrada il PET a velocità doppia
via depositphotos.com

L’enzima mangia-plastica studiato dai progetti europei MIPLACE e ENZYCLE

(Rinnovabili.it) – Gli scienziati dell’università tedesca di Lipsia hanno isolato un nuovo enzima mangia-plastica che è capace di degradare il PET in tempi record. Battendo anche il campione in carica, l’enzima LCC scoperto 10 anni fa in Giappone e considerato ad oggi il migliore tra i candidati possibili. Dei 7 candidati testati dai ricercatori tedeschi, PHL7 si è dimostrato particolarmente efficiente, con prestazioni significativamente sopra la media.

PHL7 è stato prelevato da un cumulo di compost che si trovava a Südfriedhof, un cimitero di Lipsia. Messo in una soluzione acquosa insieme a del PET, questo enzima mangia-plastica ha battuto in modo evidente il suo competitor LCC. Il risultato? Nell’arco di 16 ore, PHL7 ha decomposto il PET al 90%, mentre il suo rivale si è fermato appena a un livello di degrado del 45%. In 24 ore ha decomposto un intero cestino di plastica.

Leggi anche Uno “scotch” di batteri per catturare le microplastiche: soluzioni bio

“Quindi il nostro enzima è il doppio più attivo del gold standard tra gli idrolasi per la rimozione del poliestere”, commenta Christian Sonnendecker dell’università di Lipsia, che lavora a questa ricerca nell’ambito dei progetti europei MIPLACE e ENZYCLE. Appurato che le prestazioni dell’enzima mangia-plastica sono eccezionali, il team di Sonnendecker è andato alla ricerca del perché. Trovando la risposta in un singolo blocco della catena di amminoacidi che costituisce le proteine di PHL7: rispetto ad altri enzimi simili noti, al posto di un residuo di fenilalanina ha la leucina.

“L’enzima scoperto a Lipsia può dare un importante contributo alla creazione di processi alternativi di riciclaggio della plastica a risparmio energetico”, sostiene Wolfgang Zimmermann dell’università di Lipsia. “Il biocatalizzatore ora sviluppato a Lipsia ha dimostrato di essere altamente efficace nella rapida decomposizione degli imballaggi alimentari in PET usati ed è adatto all’uso in un processo di riciclaggio ecologico in cui è possibile produrre nuova plastica dai prodotti della decomposizione”.

Leggi anche Da una startup svizzera il nuovo riciclo chimico del PET

Il prossimo passaggio sarà cercare un partner industriale per unire le forze e realizzare un prototipo di impianto di riciclo biologico del PET. In questo modo si potranno stimare con più precisione le prestazioni effettive dell’enzima mangia-plastica e la riduzione dei costi di riciclo che permette.

Articolo precedenteInquinamento fluviale: i metalli pesanti aumentano l’antibiotico resistenza
Articolo successivoLa top ten delle città più resilienti dopo la pandemia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui