La raccolta delle pile usate scende ancora nel 2023

Il nostro paese fatica a far crescere il tasso di raccolta delle pile usate. Colpa di scarsa comunicazione e pochi investimenti in infrastrutture

raccolta delle pile usate
Fonte: Erion Energy

Con il nuovo regolamento europeo sulle batterie, gli obiettivi UE sulla raccolta delle pile usate cresceranno ancora

(Rinnovabili.it) – L’Italia non sa riciclare gli accumulatori a fine vita. Una realtà amara da digerire, ma questa è la situazione guardando i dati sulla raccolta delle pile usate. Una fotografia è offerta dai dati 2023 appena diffusi da Erion Energy, consorzio del sistema Erion dedicato alla gestione dei rifiuti di pile e accumulatori (RPA). Il gruppo ha gestito 4.857 tonnellate di RPA sull’intero territorio nazionale, registrando un calo del 52% rispetto al 2022. Sono numeri che mostrano come il contesto italiano stia lottando senza successo per raggiungere gli obiettivi di raccolta stabiliti dall’Unione Europea. Ad esempio, per i rifiuti di pile portatili, il target europeo è del 45%, rispetto a quanto immesso sul mercato nei tre anni precedenti. Nel nostro paese, tuttavia, siamo appena al 30%.

Laura Castelli, direttore generale di Erion Energy, ha sottolineato l’urgenza di “sensibilizzare e coinvolgere i cittadini nell’adeguato conferimento dei RPA portatili, considerando gli obiettivi europei del 63% entro il 31 dicembre 2027”. L’esortazione è a una maggiore responsabilità congiunta di tutti gli attori della filiera, oltre che a promuovere investimenti in iniziative di comunicazione. Iniziative che, quando realizzate, funzionano. Nel 2023, Erion Energy ha infatti triplicato i volumi di raccolta volontaria dei rifiuti di pile portatili (+226%).

Il basso livello di raccolta è influenzato da diversi fattori, spiega il consorzio. Tra questi il comportamento dei cittadini, che, a causa di lacune informative e di conoscenza, conferiscono i RPA in modo erroneo o li dimenticano in luoghi inappropriati. “Per contrastare queste abitudini, Erion Energy si impegna in attività di informazione e sensibilizzazione, come Energia al Cubo, che ha portato a un aumento medio del 14,4% nella raccolta di RPA portatili nelle zone coinvolte”, spiega una nota. Il consorzio ha portato avanti anche studi e ricerche in vista del nuovo regolamento europeo sulle batterie. Questo regolamento imporrà all’Italia sforzi significativi in termini di raccolta delle pile usate.

Articolo precedenteLa larghezza media delle nuove auto in Europa è in aumento. Ecco perché è un problema
Articolo successivoSmart City in Italia: grazie ai 17 mld del PNRR, 2,5 mln di occupati in più entro il 2029

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!