In Costa d’Avorio la prima centrale elettrica a cacao  

Avrà una potenza di 70 MW e costituirà il test di fattibilità per realizzare altre 9 centrali simili

centrale elettrica a cacao  

 

 

Gli USA finanziano la realizzazione della prima centrale elettrica a cacao

(Rinnovabili.it) – Sorgerà in Costa d’Avorio la prima centrale elettrica a cacao mai realizzata al mondo. L’impianto utilizzerà le biomasse di scarto ottenute dalla lavorazione di semi e frutti della pianta, di cui il Paese africano è uno dei primi produttori al mondo. A darne l’annuncio è lo stesso Governo che chiarisce come l’iniziativa – del valore di 273 milioni di dollari – avrebbe ricevuto il via libera proprio in questi giorni. Yapi Ogou, a capo della Société des énergies nouvelles (Soden) responsabile del progetto ha illustrato il piano: l’obiettivo è realizzare e mettere in funzione entro il 2023 una centrale da 60-70 MW di potenza, che faccia da test per un ulteriore sviluppo elettrico in questa direzione. Se il progetto dovesse convincere, infatti, il Paese potrebbe costruire altre 9 centrali elettriche alimentate con i rifiuti di cacao.

 

>>Leggi anche In Svezia la centrale che sostituisce il carbone con gli abiti H&M<<

 

Perché proprio questa fonte? Perché la nazione, assieme al Ghana, detiene oltre la metà della produzione del cacao mondiale grazie ad una coltivazione intensiva portata avanti spesso a spese della salute di foreste e animali. Attualmente la Costa d’Avorio produce circa 2 milioni di tonnellate di cacao all’anno, che significa anche milioni di tonnellate di baccelli scartati dopo la rimozione delle fave e lasciati marcire o bruciati. Sfruttare questa fonte è parte del progetto governativo per raggiungere il target nazionale che fissa a 424 MW la potenza da biomasse da installare sul territorio entro il 2030. A differenza di molti paesi dell’Africa sub-sahariana, il Paese ha una fonte di energia affidabile e oggi esporta elettricità a Ghana, Burkina Faso, Benin e Togo. Tuttavia la rapida crescita economica sta mettendo a dura prova le forniture, obbligando la nazione a prepararsi a una domanda futuro lievitata.

Come spiegato dall’ambasciata degli Stati Uniti ad Abidjan, la nuova centrale elettrica a cacao è uno dei cinque progetti selezionati per ricevere sovvenzioni dall’agenzia statunitense per il commercio e lo sviluppo (USTDA), che ha già finanziato con quasi un milione di dollari gli studi di fattibilità dell’impianto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui