Lanciato il fondo da 100mln a sostegno dell’innovazione nell’energia pulita

Da Vancouver, la Commissione europea, la Bei e il gruppo d’investitori guidato da Bill Gates inaugura BEV-E, nuovo strumento finanziario per sviluppare imprese energetiche innovative

energia pulita fondo

 

Primo grande esempio di cooperazione tra pubblico e privato nel finanziamento dell’innovazione nel settore dell’energia pulita

(Rinnovabili.it) – Taglio del nastro per Breakthrough Energy Ventures Europe (BEV-E), il nuovo fondo di investimento da 100 milioni di euro dedicato all’energia pulita. Annunciato lo scorso anno, oggi lo strumento è stato lanciato ufficialmente durante la quarta riunione ministeriale della Mission Innovation, a Vancouver. Dietro la sua creazione ci sono la Commissione europea, la Banca europea per gli investimenti (BEI) e il Fondo della Breakthrough Energy Coalition, il gruppo mondiale guidato dal Bill Gates di investitori ad alto patrimonio. Ed è lo stesso miliardario americano come BEV-E rappresenti “un modello innovativo di collaborazione tra il pubblico e il privato”. “Abbiamo le risorse per fare una differenza significativa e la flessibilità per muoverci rapidamente, – ha commento Gates in occasione del lancio – una combinazione rara e potente“.

 

Come funzionerà il Breakthrough Energy Ventures Europe? L’obiettivo è riuscire a portare sul mercato nuove tecnologie energetiche pulite accelerando i normali tempi di transizione. Per ottenere ciò il Fondo aiuterà finanziariamente le imprese sostenendo i migliori imprenditori le cui soluzioni si siano dimostrate in grado di offrire riduzioni significative e durature delle emissioni di gas a effetto serra.

 

Primo nel suo genere, BEV-E collegherà finanziamenti pubblici e capitale di rischio a lungo termine per andare incontro alle necessità delle imprese. Dotato di una capitalizzazione di 100 milioni di euro (50 milioni dalla BEI  altri 50 dalla Breakthrough Energy Coalition) lo strumento si concentrerà sulla riduzione delle emissioni climalteranti e sulla promozione dell’efficienza energetica. Nel dettaglio investirà in cinque grandi settori legati all’energia, in cui gli sforzi sono fondamentali per combattere i cambiamenti climatici: elettricità, trasporti, agricoltura, produzione ed edifici.

 

>>Leggi anche Innovazione italiana: nel futuro del fotovoltaico ibrido c’è l’azoto curativo<<

 

Gli investimenti dovrebbero iniziare nella seconda metà del 2019, momento in cui gli Stati membri dell’UE e i paesi associati a Orizzonte 2020 potranno richiedere il finanziamento BEV-E.

Spiega Maroš Šefčovič, Vicepresidente della Commissione per l’Unione dell’energia, ha dichiarato: Dobbiamo aumentare i nostri investimenti con oltre 500 miliardi di euro ogni anno per raggiungere un’economia carbon neutral entro il 2050. Sono lieto che la nostra cooperazione pilota con Breakthrough Energy sia decollata così velocemente. Questo è un lavoro pionieristico: allineare gli investimenti privati ​​e pubblici ad innovazioni all’avanguardia, a vantaggio dell’Unione dell’energia e del nostro clima”.

 

Gli fa eco Carlos Moedas, commissario per la ricerca, la scienza e l’innovazione “Con la creazione del fondo Breakthrough Energy Ventures Europe in tempi record, stiamo mantenendo il nostro impegno per incrementare gli investimenti pubblico-privato nell’innovazione dell’energia pulita. È solo attraverso l’unione di forze tra settori e continenti che possiamo affrontare il cambiamento climatico e costruire un futuro sostenibile”.

 

>>leggi anche Investimenti energetici mondiali: le fossili rialzano la testa<<

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui