Costo livellato dell’energia, accumulo e idrogeno: cosa sta cambiando

I costi delle tecnologie rinnovabili continuano a diminuire a livello globale, anche se a un ritmo rallentato, mentre nuove preoccupazioni nei mercati delle materie prime dell’energy storage

Costo livellato dell'energia
Foto di Boke9a da Pixabay

 Tre report sul costo livellato dell’energia green

(Rinnovabili.it) – La banca d’affari Lazard ha pubblicato in questi giorni i suoi nuovi approfondimenti annuali sul costo livellato dell’energia. Tre report dedicati rispettivamente ai costi della generazione elettrica rinnovabile (LCOE), dell’accumulo energetico (LCOS) e della produzione di idrogeno (LCOH).

Il lavoro nasce con l’obiettivo di monitorare la competitività di alcune tecnologie confrontandole con la generazione energetica “convenzionale “, ossia carbone, nucleare e gas a ciclo combinato. “I nostri tre studi insieme documentano la continua accelerazione della transizione energetica”, ha affermato George Bilicic, vicepresidente e capo del gruppo Power, Energy & Infrastructure di Lazard. “Oggi ci mostrano come la transizione non è dominata da nessuna soluzione in particolare; predomina invece il nuovo approccio ‘tutto quanto insieme’, che include energia rinnovabile, stoccaggio, idrogeno e altre soluzioni. Sarà questa la chiave per effettuare il passaggio permanente a maggiore efficienza energetica e sostenibilità”.

leggi anche Sistemi di accumulo in Italia, attivi oltre 50mila per 405MWh

LCOE di eolico e fotovoltaico

Il rapporto sul costo livellato dell’energia rinnovabile mostra il continuo calo dell’LCOE di eolico e fotovoltaico a livello mondiale, nonostante alcune differenze a livello regionale. Una spirale discendente che tuttavia ha rallentato il ritmo nell’ultimo periodo a causa delle riduzioni dei costi di capitale e un aumento della concorrenza. Nel complesso il comparto registra importanti miglioramenti in termini di scala e tecnologia. 

In un confronto base – vale a dire senza tenere conto dei sussidi, dei costi del carburante o del prezzo della CO2 – il fotovoltaico su scala utility è quello che registra la riduzione più rapida con un LCOE medio che parte da un minimo di 28-37 dollari il MWh (film sottile) ad un massimo di 30-41 dollari/MWh (silicio cristallino). Ma il record di convenienza spetta ancora una volta all’eolico a terra con un LCOE con un minimo di 26 dollari/MWh.

lcoe
Credits: Lazard

Quando sono aggiunti sussidi governativi (il rapporto include quelli statunitensi), il costo dell’eolico onshore e del solare su larga scala continua a essere competitivo con il costo marginale della generazione di carbone, nucleare e gas a ciclo combinato. Con valori di media di 27 $/MWh per fotovoltaico e 25 $/MWh per eolico, 42 $/MWh per il carbone, 29 $/MWh per il nucleare e 24 $/MWh per il gas.

Il costo livellato dell’accumulo

Il rapporto sull’LCOS mostra come la preferenza del settore si stia spostando sempre più verso la tecnologia al litio-ferro-fosfato (“LFP”), soluzione meno costosa delle concorrenti agli ioni di litio (soprattutto nelle applicazioni di breve durata) e dotata di  prestazioni termiche più favorevoli, nonostante la minore densità energetica volumetrica.

In questo campo, l’inflazione dei costi a monte (dovuta, tra le altre cose, ai vincoli di offerta nei mercati delle materie prime e nelle attività manifatturiere) sta mettendo sotto pressione i costi di capitale dell’energy storage. Nel frattempo le applicazioni ibride stanno diventando sempre più preziose e diffuse man mano che gli operatori di rete iniziano ad adottare metodologie di Estimated Load Carry Capability (“ELCC”) per valutare le risorse.

lcos
Credits: Lazard

1 commento

  1. dobbiamo convincerci che l’energia da rinnovabili risulterà economicamente più conveniente (costerà di meno) di quella dalle altre fonti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui