Energia rinnovabile offshore, il nord Europa vuole l’indipendenza energetica

I ministri dell’Energia degli Stati del NSEC hanno concordato, per la prima volta, obiettivi aggregati e non vincolanti i per le rinnovabili offshore nell’area marittima del nord Europa

energia rinnovabili offshore
Foto di Norbert Pietsch da Pixabay

I 9 Paesi della Cooperazione energetica costruiranno almeno 260 GW di eolico marino entro il 2050

(Rinnovabili.it) – Tutti uniti sotto un unico obiettivo: impiegare l’energia rinnovabile offshore per raggiungere l’indipendenza energetica. È una strada ancora tutta da percorrere quella che 9 paesi europei hanno messo ieri nero su bianco alla presenza della Commissione UE. I ministri dell’energia di Belgio, Irlanda, Danimarca, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia si sono incontrati a Dublino per rafforzare la North Seas Energy Cooperation (NSEC). E per la prima volta dalla nascita dell’intesa, hanno fissato obiettivi aggregati (ma non vincolanti) per l’energia pulita in mare. Nello specifico i nove hanno concordato di raggiungere almeno 260 GW di eolico marino entro la metà del secolo. Una capacità che a regime rappresenterà più dell’85% del target fissato dall’esecutivo UE per l’energia rinnovabile offshore del 2050.

leggi anche Accordo a otto: l’eolico offshore nel Mar Baltico toccherà i 20 GW

“L’impegno odierno – ha commentato la commissaria europea all’Energia, Kadri Simsonè un ottimo esempio del tipo di cooperazione regionale che la Commissione ha previsto nella strategia per le energie rinnovabili offshore […] L’accelerazione della diffusione delle fer rappresenta uno dei tre pilastri del piano REPowerEU per porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili russi. Ciò non solo aiuterà a migliorare la sostenibilità del nostro settore energetico, ma migliorerà la nostra sicurezza dell’approvvigionamento e l’accessibilità economica dell’energia, due sfide che stiamo affrontando proprio in questo momento”.

Energia rinnovabile offshore, tra obiettivi e sfide

Il piano del NSEC procederà per tappe. I Paesi puntano a installare 76 GW eolici entro il 2030, per poi raggiungere i 193 GW nel 2040 e i 260 GW nel decennio successivo.

Ma, come ricorda anche WindEurope, oggi la filiera europea dell’energia eolica sta affrontando diverse difficoltà. Le aziende del settore stanno facendo i conti con gli effetti economici della guerra in Ucraina, le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute al COVID19 e gli elevati costi energetici e di spedizione. Un quadro critico che non risparmia nessuno. “Tutti e cinque i produttori europei di turbine stanno attualmente subendo perdite. Una situazione insostenibile che deve cambiare il prima possibile”.

leggi anche Cresce l’entusiasmo sull’eolico offshore, ma abbiamo abbastanza navi cantiere?

Ecco perché il vertice NSEC si è focalizzato su nuovi modi per garantire che la leadership mondiale per l’eolico offshore continui a essere “made in Europe”. “I ministri – racconta WindEurope – sono stati chiari sul fatto che l’ambiziosa espansione dell’eolico offshore nei mari del Nord debba affrontare una serie di colli di bottiglia, tra cui la disponibilità di infrastrutture e forza lavoro. L’Europa dovrà investire almeno 6,5 miliardi di euro nel potenziamento delle sue infrastrutture portuali. E raggiungerà i suoi obiettivi eolici offshore solo con personale più sufficientemente formato. Oggi 77.000 europei lavorano nell’eolico offshore. Entro il 2030 potrebbero arrivare a 200.000″. I partecipanti hanno anche chiesto alla Commissione europea di accelerare la sua annunciata Guida sui criteri differenti dal prezzo per le aste.

Articolo precedenteDa Senec una nuova squadra di installatori a supporto dei clienti
Articolo successivoCome sbloccare la cessione del credito: la soluzione proposta dai Professionisti Tecnici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui