LONGi stupisce con la cella solare tandem che converte il 33,5% della luce

L’azienda ha raggiunto un aumento dell’1,7% rispetto al precedente traguardo di 31,8% nell’efficenza delle sue celle tandem, notificato all’inizio del mese

cella solare tandem longi
A destra: Li Zhenguo, Presidente di LONGi | a sinistra: Dennis She, Vicepresidente di LONGi Credits: LONGi

Le celle solari tandem LONGi macinano progressi

(Rinnovabili.it) – Non avrà segnato un nuovo record mondiale, ma poco è mancato. La nuova cella solare tandem Si-perovskite realizzata dalla LONGi Green Energy Technology ha un’efficienza incredibilmente elevata. Riesce infatti a convertire ben il 33,5 per cento della luce incidente in elettricità. Un valore che la rende seconda al mondo per prestazioni e che rappresenta un miglioramento del 1,7% rispetto al risultato notificato all’inizio di giugno. “Con la possibilità di un miglioramento continuo in futuro”, rassicura l’azienda, spiegando come il proprio team di R&S sia stato uno dei primi in Cina a svolgere ricerche sulle celle solari tandem.

In questi anni il gruppo si è dedicato alla coltivazione dei cristalli di perovskite a film sottile su substrati di silicio testurizzati, allla passivazione di massa e alla gestione della luce, compiendo una serie di progressi chiave. Passi avanti che hanno portato a rapidi miglioramenti nell’efficienza delle celle solari tandem LONGi a base di silicio. 

leggi anche Moduli, inverter e tester: Intersolar 2023 premia l’innovazione fotovoltaica

“Il miglioramento dell’efficienza di conversione nelle celle e la riduzione del costo dell’elettricità rimangono il tema principale che guida lo sviluppo dell’industria fotovoltaica”, ha affermato Li Zhenguo, presidente dell’azienda durante un intervento all’Intersolar Europe 2023.

Due nuovi concept firmati LONGi

Alla fiera di Monaco di Baviera LONGi ha anche presentato al pubblico il suo prodotto concettuale 2681, un modulo ad altissime prestazioni di oltre 600 W, con una dimensione di 2278 mm × 1134 mm e un peso di 31,8 kg. 

Lo ha affiancato il nuovo modulo fotovoltaico a 54 celle HJT in silicio denominato “New Tech Conceptual Product”. Il pannello ha una dimensione di 1722 mm × 1134 mm, è bifacciale e si fa notare per un bassissimo degrado di potenza: il PID (Potential-Induced Degradation) è quasi a zero. Perfetto anche in ambienti ad alta temperatura, grazie alla sua struttura a doppio vetro, il New Tech Conceptual vanta un’eccellente affidabilità del ciclo di vita del prodotto.

leggi anche Celle solari SHJ: efficienza al 26,81% e pronte per la produzione

Articolo precedenteRiutilizzare le pale eoliche negli impianti fotovoltaici, l’idea di Turn2Sun
Articolo successivoApprovato dall’ONU il Trattato sull’alto mare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!