Virtu, il pannello solare ibrido per edifici che si fa strada in Europa

Il collettore solare termico-fotovoltaico della britannica Naked Energy allarga il suo mercato attraverso nuovi accordi. In Italia sarà distribuito da X3Energy

pannello solare ibrido
Credits: Naked Energy

Cresce l’offerta di pannelli solari ibridi del mercato italiano

(Rinnovabili.it) – Ne avevamo parlato nel 2015 quando l’azienda britannica Naked Energy aveva firmato il primo memorandum d’intesa per scalare la sua tecnologia e introdurla sul mercato. Oggi a 8 anni di distanza, il pannello solare ibrido VirtuPVT – che utilizza la radiazione solare per produrre sia calore che elettricità – può contare su una rete di distribuzione sempre più ampia. Gli ultimi due accordi in tal senso coinvolgono la portoghese Tech4Food e la divisione greca della tedesca Menerga, ma novembre 2022 aveva anche annunciato la partnership con la società italiana di servizi energetici X3Energy. Un accordo, quest’ultimo, finalizzato a rafforzare ulteriormente la posizione di Naked Energy nel mercato italiano, dove la tecnologia Virtu è prodotta già dal 2018 grazie Jabil.

D’altra parte il Belpaese è una delle nazioni chiave per i collettori solari ibridi, soprattutto in termini di sviluppo e commercializzazione di sistemi. E se è vero che negli ultimi anni è aumentato a livello globale il numero di fornitori specializzati nella tecnologia fotovoltaico-termica, lo è anche la posizione leader dell’Italia, le cui aziende si piazzano ancora in pole position nella classifica dei 40 maggiori produttori di pannelli PVT.

leggi anche Collettori ibridi PVT, chi li produce in Italia?

Come funziona il pannello solare ibrido Virtu

Cosa ha di speciale questa tecnologia? La capacità di offrire in un unico prodotto due funzioni. I collettori fotovoltaici termici combinano infatti moduli fotovoltaici e pannelli solari termici in una singola unità. E a seconda della temperatura di esercizio che riescono a raggiungere possono essere applicati a livello domestico o industriale.

In questo contesto il pannello solare ibrido VirtuPVT si contraddistingue grazie ad un design pressoché unico. Ogni collettore è costituito da 5 elementi tubolari sottovuoto al cui interno si trovano celle fotovoltaiche PERC in silicio monocristallino. Queste ultime sono poste sopra una piastra in alluminio che assorbe il calore e lo trasferisce a piccoli canali posteriori contenenti fluido termovettore, una miscela di acqua e glicole propilenico. Tra i tubi sono posizionati dei riflettori che permettono di incrementare del 40% la cattura dell’energia. Secondo i dati tecnici pubblicati dall’azienda, ogni tubo può sviluppare una potenza termica di 275 Wp e una potenza elettrica di 70 Wp.

Lo speciale design permette di ruotare i collettori, ottimizzando le prestazioni su tetti inclinati, piani o facciate verticali. Il prodotto può essere connesso, inoltre, ad una piattaforma di monitoraggio, chiamata Clarity 247, che traccia in tempo reale resa termica ed elettrica, eventuali guasti e la rendicontazione finanziaria e di sostenibilità.

Articolo precedenteProduzione di riso in calo a causa della siccità
Articolo successivoICBM Plus acquista da SustaPower 124 MW di impianti fotovoltaici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui