Allungare la vita dei pannelli solari a 50 anni, l’obiettivo di DuraMAT

Un nuovo consorzio finanziato dal governo statunitense sta studiando i fattori che minano la l’affidabilità dei moduli fotovoltaici per prevenirne la degradazione e allontanare i fine vita il più possibile

vita dei pannelli solari
via depositphotos.com

Impiegati stress test accelerati e analisi forense dei materiali

(Rinnovabili.it) – Quali sono le caratteristiche del fotovoltaico perfetto? Un alto rendimento energetico, un basso costo e una prolungata affidabilità sul campo. In altre parole la tecnologia non deve sono solo essere efficiente ed economica ma anche durare nel tempo. Oggi, tuttavia, nonostante i progressi raggiunti, la vita utile dei pannelli solari si aggira su una media di 20-30 anni. Nel tempo infatti l’esposizione agli agenti esterni deteriora lentamente le prestazioni dei moduli, riducendo via via la produzione.

Capire i meccanismi alla base del deterioramento e prevenirli è una sfida ancora aperta a cui il progetto DureMAT (Durevole Module Materials) sta cercando di dare una risposta. Lanciato nel novembre 2016 grazie ai finanziamenti del governo USA, DuraMAT ha creato un consorzio multi-laboratorio che, sotto la guida del National Renewable Energy Laboratory (NREL), lavora per allungare la vita dei pannelli solari.

leggi anche Come rendere la perovskite solare stabile dopo 2000 ore di stress test

Da oltre 5 anni gli scienziati del progetto stanno esplorando nuove idee per estendere la durata dei moduli fotovoltaici fino a 50 anni. Un lavoro che ha richiesto la messa a punto di nuovi stress test accelerati abbinati alla scienza forense dei materiali e a modelli fisici dettagliati dei possibili guasti. I dati raccolti hanno permesso alla rete di laboratori di selezionare problemi chiave. E offrire le proprie capacità a terzi per creare nuove strategia di risoluzione.

La vita dei pannelli solari, tra problemi e soluzioni

Ad esempio, è stato sviluppato un processo al plasma spray scalabile per depositare rivestimenti anti-umidità con proprietà antiriflesso, capacità adesiva, spessore e densità controllate. E un nuovo metodo per analizzare la “bontà” chimica e meccanica del cosiddetto backsheet, lo strato inferiore del modulo che fornisce isolamento elettrico critico e integrità meccanica.

O ancora. Con l’aiuto del consorzio, Osazda Energy ha realizzato una tecnologia economica per aiutare le celle solari a resistere alle crepe, dandogli anche la capacità di autorigenerarsi.

“Molte delle nostre ricerche continuano a concentrarsi sull’affidabilità e la durata nel portafoglio di tecnologie commerciali”, spiega Teresa Barnes, ricercatrice senior presso il NREL e direttrice di DuraMAT. “Stiamo ora spostando la nostra enfasi sui test predittivi e sui metodi di modellazione che ci consentiranno di valutare l’affidabilità delle nuove tecnologie in modo più rapido e accurato. Il fotovoltaico deve continuare a migliorare e i cicli di sviluppo del prodotto possono essere molto più rapidi dei cicli di test di affidabilità. Dobbiamo trovare un modo per valutarne le prestazioni mentre il settore cresce rapidamente”.

Articolo precedenteApprovato il decreto a sostegno di filiere ittiche e acquacoltura
Articolo successivoUn osservatorio ecologico per la tutela della biodiversità in Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!