Idrogeno: l’elettrolizzatore a ossido solido Convion supera l’85% di efficienza

Convion ed Elcogen hanno concluso i test di un nuovo sistema elettrolizzatore su scala industriale che fornisce idrogeno verde con un’efficienza superiore alle tecnologie tradizionali

elettrolizzatore a ossido solido
Credits: Convion

Elettrolisi a vapore HTE, vince in efficienza

(Rinnovabili.it) – Ben 2.000 ore di lavoro e oltre 1.000 cicli di accensione rapidi. Una volta messo alla prova sul campo l’innovativo elettrolizzatore a ossido solido Convion ha superato brillantemente qualsiasi test, mostrando prestazioni invidiabili. Primo nel suo genere, il sistema è frutto della collaborazione tecnologica tra la britannica Elcogen e la finlandese Convion. Per la precisione Elcogen ha fornito la tecnologia delle celle e dello stack a ossido solido che è stata implementata nella piattaforma d’elettrolisi ad alta temperatura di Convion

Le due aziende hanno annunciato in questi giorni la conclusione delle prove pratiche svoltesi a partire da giugno 2023 in un sito di VTT, dove il sistema – di taglia industriale – è stato testato come parte di un progetto E-Fuel (coordinato da VTT e finanziato da Business Finland). L’impianto è del tipo ad alta temperatura (HTE) o elettrolizzatore a vapore, che impiega vapore acqueo al posto dell’acqua allo stato liquido, sfruttando il suo calore per alimentare e rendere più efficiente la scissione delle molecole di H2O.

leggi anche Idrogeno europeo, 67 GW di elettrolizzatori in cantiere

Le prestazioni dell’elettrolizzatore a ossido solido Convion

Il nuovo elettrolizzatore a ossido solido Convin mostra prestazioni molto elevate grazie ad un’efficienza elettrica superiore all’85%, pari a 39 kWh di energia elettrica per chilogrammo di idrogeno verde prodotto. Nel contesto dell’elettrolisi, si tratta del 20-30% in meno di elettricità rispetto a tecnologie concorrenti come gli elettrolizzatori PEM e alcalini. Non solo. Il know-how aziendale messo in campo ha permesso di sviluppare il sistema in tempi record.

“Siamo estremamente lieti che la campagna di test abbia dimostrato un’eccellente operabilità, flessibilità e resistenza alle fluttuazioni nella fornitura di vapore e abbia convalidato l’eccellente efficienza progettata”, ha dichiarato Kim Åström, CTO di Convion. “Questi risultati ci danno la certezza che il nostro approccio […] sia adatto ad applicazioni su larga scala industriale per l’elettrolisi e i sistemi bidirezionali rSOC (celle a ossido solido reversibili)”.

leggi anche Arriva il catodo ibrido per l’elettrolisi marina

I test svolti non sono serviti solo a dimostrare la bontà dell’impianto. In questi mesi l’elettrolizzatore HTE ha fornito idrogeno verde per un dimostratore di carburante sintetico. Il 21 novembre, questo e-fuel paraffinico è stato messo alla prova per la prima volta in Finlandia su un trattore diesel presso lo stabilimento Linnavuori di AGCO Power.

Articolo precedenteDal 2026 Honda 0 Series si candida a rivoluzionare l’auto elettrica
Articolo successivoProteine dal carbone, le ultime scoperte dal mondo della ricerca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!