Kenya: bloccata la costruzione della prima centrale energetica a carbone

La vittoria in tribunale delle associazioni ambientaliste e le richieste di nuove valutazioni di rischio dell’Unesco hanno segnato un nuovo stop per la centrale di Lamu, il primo impianto a carbone del Kenya

Kenya centrale energetica a carboneL’Unesco vorrebbe inserire nella lista dei siti patrimonio dell’umanità a rischio la città vicino cui dovrebbe sorgere la prima centrale energetica a carbone keniota

 

(Rinnovabili.it) – Nuovo stop per la costruzione della prima centrale energetica a carbone in Kenya: dopo la revoca della concessione ambientale decisa da una Corte keniota a fine giugno, arriva anche la richiesta dell’Unesco di fornire un’adeguata analisi dell’impatto ambientale e culturale che l’impianto potrebbe avere sul territorio (in lista per entrare nei siti Patrimonio dell’Umanità) e sulle comunità locali.

 

Il progetto, spinto da un consorzio keniota – cinese, prevede la costruzione di una centrale a carbone da 981 MW vicino alla città costiera di Lamu, un insediamento risalente al 14esimo secolo destinato a entrare nelle liste dei siti Unesco.

I lavori (per un costo stimato di 2 miliardi di dollari) sarebbero dovuti iniziare nel 2015, ma l’opposizione di associazioni ambientaliste e civili hanno costantemente ritardato le operazioni. Lo scorso 26 giugno, un tribunale keniota ha revocato la licenza a costruire ad Amu Power, la compagnia incaricata del progetto, e ha chiesto alle autorità competenti di presentare una valutazione ambientale rigorosa e di informare le popolazioni locali sul potenziale impatto degli impianti.

 

Il Comitato Unesco per il Patrimonio Mondiale, durante l’ultima riunione di Baku, in Azerbaijan, ha invitato l’amministrazione keniota a rivedere le concessioni ambientali della centrale a carbone e di studiare il potenziale impatto dell’inquinamento prodotto sul delicato ecosistema di edifici in pietra della città vecchia di Lamu. Le autorità locali avranno tempo fino a febbraio 2020 per presentare una valutazione all’Unesco; dopodiché la città potrebbe essere inserito nella lista dei siti patrimonio dell’umanità a rischio.

 

>>Leggi anche USA: negli ultimi 2 anni chiuse 50 centrali alimentate a carbone<<

 

Secondo le diverse associazioni ambientaliste che hanno bloccato la costruzione degli impianti, la centrale potrebbe aumentare del 700% le emissioni di gas serra in Kenya, aumentare i rischi per la salute della popolazioni locali e causare piogge acide che potrebbero danneggiare attività agricole e ittiche. Gli attivisti sostengono, inoltre, che la realizzazione di una centrale a carbone sia in antitesi con i piani ambientali del Kenya che prevedono di generare 2/3 dell’elettricità da fonte rinnovabile e di ridurre di 1/3 l’impronta di carbonio nazionale entro il 2030.

 

I promotori della centrale, d’altro canto, sostengono che la sua realizzazione aumenterà di quasi un terzo la generazione elettrica in Kenya e porterà ad un abbattimento dei costi per l’energia con un risparmio del 50% sulle spese sostenute dai consumatori. Secondo l’Amu Power, l’elettricità prodotta dalla centrale di Lamu verrebbe a costare 7,2 centesimi di dollaro al kWh.

 

Un recente studio di un think tank statunitense contraddice però le stime dell’impresa costruttrice: secondo il report dell’Institute for Energy Economics and Financial Analysis l’accordo di fornitura per 25 anni costerebbe ai consumatori oltre 9 miliardi di dollari, anche se la centrale non dovesse produrre energia. Una valutazione che porterebbe il prezzo dell’elettricità tra i 22 e i 75 centesimi di dollaro per kWh, 10 volte più di quanto stimato da Amu Power.

 

L’analisi costi benefici dell’IEEFA suggeriva al Governo del Kenya di cancellare il progetto. I rappresentanti di Amu Power e del consorzio keniota – cinese avranno 30 giorni di tempo per decidere se ricorrere in appello contro la decisione del Tribunale e presentare una nuova valutazione di rischio ambientale.

 

>>Leggi anche Il doppio gioco del G20: in 10 anni triplicati i sussidi al carbone<<

Articolo precedenteBiometano in agricoltura, quali prospettive di sviluppo in Italia?
Articolo successivoInvestimenti mondiali nelle energie rinnovabili, ancora un calo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui