Aste Tutele Graduali: selezionati 7 operatori con prezzo unico

Selezionati gli operatori del futuro Servizio a Tutele Graduali a cui cui saranno assegnati i clienti domestici non vulnerabili, suddivisi in 26 aree omogenee

Aste Tutele Graduali
Foto di Robert Linder su Unsplash

Aste Tutele Graduali, chi sono i 7 vincitori?

(Rinnovabili.it) – “Le aste sono andate bene perché caratterizzate da una grande partecipazione e da una concorrenza tra gli operatori che si traduce in vantaggi per gli utenti”. Con queste parole il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto ha commentato la conclusione delle procedure competitive alla base del nuovo Servizio a Tutele Graduali per l’elettricità, lo strumento che a partire dal 1° luglio 2024 potrebbe accogliere circa 4 milioni di utenti.

Parliamo ovviamente degli utenti domestici non vulnerabili oggi ancora serviti in Maggior Tutela e che, per la data in questione, non avranno selezionato un fornitore sul mercato libero. Per tutti coloro che non opereranno una scelta, infatti, vi sarà l’assegnazione di default ai vincitori delle aste appena concluse. Le gare, indette dall’Acquirente Unico lo scorso 10 gennaio, hanno individuato i 7 operatori che si “spartiranno” le 26 territoriali in cui è stata divisa l’Italia. Ossia Enel Energia,  Illumia, E.ON Energia, Hera Comm, A2A Energia, Edison Energia e Iren Mercato.

leggi anche ARERA: nel 2022 e 2023 mercato libero più conveniente del tutelato

Prezzo unico

A partire dal luglio 2024 fino al luglio 2027, i clienti che passeranno al servizio Tutele Graduali verranno riforniti dal vincitore del lotto di competenza e al prezzo fissato in sede di asta. Un prezzo unico per tutta Italia e inferiore rispetto a quello in tutela, spiega il MASE. Le condizioni economiche, tuttavia, verranno definite (e rese note) solo in prossimità dello switch dal momento che sono strettamente connesse al numero di utenti partecipanti in ciascuna area.

Numero che potrebbe diminuire o aumentare da oggi alla fine di giugno, essendo rimasta aperta la possibilità di migrare dal mercato libero a quello tutelato, e viceversa, in qualsiasi momento dei prossimi 4 mesi. “A titolo esemplificativo e non definitivo – spiega ARERA in una nota stampa –  sulla base dei dati attualmente disponibili relativi al numero di clienti coinvolti, e non su quelli effettivi di giugno 2024, il ‘parametro gamma’ sarebbe pari a 73 €/POD/anno”.

Le condizioni economiche verranno quindi aggiornate annualmente sempre in funzione del numero di utenti riforniti nel Servizio a Tutele Graduali dell’elettricità.

E i clienti domestici vulnerabili?

I clienti che rientrano invece nei criteri di cosiddetta vulnerabilità (chi ha un’età superiore ai 75 anni, soggetti con disabilità, chi ha un’utenza attiva in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi, utenti economicamente svantaggiati) resteranno ancora nella Maggior Tutela. Ma anche in questo caso è solo questione di tempo. A breve verranno organizzate le aste per l’individuazione degli operatori che applicheranno loro le condizioni fissate da Authority. “Seppure presenti caratteristiche diverse siamo certi che anche la gara per i clienti vulnerabili potrà avere un esito altrettanto positivo”, aggiunge Pichetto.

Per tutte le informazioni e i chiarimenti, nei prossimi giorni sarà pubblicata una nuova pagina sempre aggiornata sul sito www.arera.it con le risposte alle domande più frequenti dei consumatori e le indicazioni per effettuare una scelta consapevole per la propria fornitura di elettricità.

Articolo precedente1 Undershaft o The Shard: quale sarà il grattacielo più alto del Regno Unito?
Articolo successivoIl PE dà l’ok alle nuove tecniche genomiche, verso la deregolamentazione degli OGM 2.0

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!