Cingolani: ecco i decreti Elettricità e Gas Release

Il ministro della Transizione ecologica annuncia a Porta a Porta la pubblicazione di due nuovi provvedimenti con cui alleggerire le bollette dei grandi consumatori italiani di energia

decreti elettricità gas "release"
Credits: COP26 via Flickr (CC BY-NC-ND 2.0)

Il Mite fissa 210 euro/MWh il prezzo “controllato” del nuovo decreto Energy Release

(Rinnovabili.it) – Dovrebbero vedere la luce questa settimana i nuovi decreti Elettricità e Gas Release, i due provvedimenti con cui supportare le imprese energivore nazionali in attesa degli interventi Ue sul mercato. Lo ha annunciato ieri sera il ministro della Transizione Ecologia Roberto Cingolani, durante la trasmissione Porta a Porta. “In queste ore, probabilmente domani, emetteremo questo decreto che abbiamo chiamato Energy Release: un pacchetto di 20 TWh che verranno dati ad un prezzo controllato – quindi molto più basso di quello dell’elettricità attuale – seguendo una lista che contiene le cosiddette aziende energivore italiane”.

L’intervento, annunciato già nei mesi scorsi, ha lo scopo di alleggerire di circa un 20 per cento le bollette dei grandi consumatori elettrici, quelli, spiega Cingolani, inseriti nella lista concordata con l’Europa. “Si tratta di una piccola percentuale ma credo che questo dovrebbe alleviare la spesa elettrica”.

leggi anche Pubblicato dal MITE il Piano Contenimento dei consumi di gas

Accanto al decreto Elettricità Release si affiancherà un intervento anche lato gas. “Presenteremo in settimana un decreto più pesante un decreto per il gas release. Sono due miliardi di metri cubi di produzione italiana che dovrebbero essere messi a disposizione delle aziende gasivore; anche questo ad un prezzo molto più basso della quotazione”. Si tratta, ci tiene a sottolineare Cingolani, “di fare un grande sacrificio perché questi costi vanno compensati”.

Misure che comunque hanno una portata limitata nel tempo e che richiedono necessariamente nuovi interventi strutturali a supporto, non solo a livello nazionale. Quello che chiede l’Italia (e non solo) è una vera e propria riforma europea del mercato elettrico assieme a misure per bloccare il prezzo del gas. Passi avanti per alzare il muro della sicurezza energetica che dovrebbero arrivare oggi stesso dalla Commissione europea, secondo quanto annunciato dalla presidente Ursula von der Leyen.

leggi anche Extra profitti delle aziende energetiche, i conti del Governo non tornano

AGGIORNAMENTO: il decreto Energy Release è stato firmato il 15 settembre dal Ministro Cingolani e riporta un prezzo di rilascio controllato per le categorie industriali interrompibili, energivore e isole di 210 euro al MWh. Il prezzo agevolato sarà assegnato tramite aste condotte dal GSE.

Articolo precedenteLa siccità in Europa sta facendo affondare Amsterdam: i funghi corrodono le fondamenta
Articolo successivoOsservatorio Fer: superato 1 GW di nuova potenza al 1° semestre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui