Accordo Eni-Sonatrach, arriveranno 3 mld di m3 di gas dall’Algeria entro fine 2022

La compagnia del cane a sei zampe ha siglato ieri l’accordo ufficiale con l’omologa algerina Sonatrach per accelerare lo sviluppo di alcuni nuovi giacimenti nel paese maghrebino. Il memorandum prevede anche un progetto pilota sull’idrogeno verde

Gas dall’Algeria: l’Italia importerà 2 mld di m3 in più
via depositphotos.com

Da qui al 2024 dovrebbero crescere fino a 9 mld di m3

(Rinnovabili.it) – Tre miliardi di metri cubi di gas in più entro la fine del 2022 e un progetto pilota sull’idrogeno verde. Sono i due punti principali del memorandum of understanding firmato ieri da Eni e Sonatrach, la compagnia nazionale algerina degli idrocarburi. L’accordo inizia a mettere nero su bianco i dettagli dell’intesa raggiunta tra Italia e Algeria tra febbraio e aprile scorsi. Intesa fondamentale per la sicurezza energetica del Belpaese, che punta soprattutto sul gas dall’Algeria per emanciparsi da quello russo.

La compagnia energetica italiana ha trova l’intesa con l’omologa algerina su quali giacimenti già scoperti dovranno fornire il gas aggiuntivo. L’accordo politico raggiunto ad aprile parla di 9 miliardi di metri cubi in tutto, ma entro il 2024. Una capacità che, al momento, l’Algeria non può soddisfare. Per accelerare i tempi e garantirsi una quota di gas dall’Algeria già in tempi brevi, Eni supporterà Sonatrach nello sviluppo accelerato di alcuni nuovi giacimenti. Da cui, entro dicembre, saranno pompati 3 mld di m3 che arriveranno in Italia attraverso il gasdotto Transmed.

Leggi anche E se prendessimo l’idrogeno verde dall’Algeria?

“L’accordo non termina nel 2024 ma il flusso sarà costante o su una rampa che andrà a crescere: da Algeri avremo circa 3 miliardi di metri cubi in più di gas subito, altri 6 nel 2023 per arrivare a 9 miliardi, circa 3 miliardi di gas e 3 di Gnl”, aveva spiegato ad aprile il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, precisando i volumi attesi di gas dall’Algeria in occasione della visita di stato nel paese maghrebino con cui è partita ufficialmente la cooperazione energetica più stretta tra i due paesi.

Oltre al gas, il memorandum firmato ieri da Eni prevede “la valutazione tecnica ed economica di un progetto pilota di idrogeno verde a Bir Rebaa North (BRN), nel deserto algerino”. Progetto che “ha l’obiettivo di contribuire alla decarbonizzazione dell’impianto a gas BRN operato dalla JV SONATRACH-Eni GSE”, si legge in una nota della compagnia energetica.

Leggi anche Crisi energetica, l’Europa può dire addio al gas russo in 3 anni. E senza rimpiazzarlo

Articolo precedenteDal MIT arriva il legno coltivato in laboratorio che elimina gli sprechi
Articolo successivoUna pellicola gel low cost per produrre acqua nel deserto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui