Sistemi efficienti di utenza, dal GSE le Regole Applicative

Il Gestore pubblica il provvedimento che definisce le modalità e le informazioni necessarie al rilascio della qualifica di Sistema Efficiente di Utenza e di Sistema Esistente Equivalente ai Sistemi Efficienti di Utenza

Sistemi efficienti di utenza, dal GSE le Regole Applicative (Rinnovabili.it) – Attesa finita per le ultime norme sui SEU o sistemi efficienti di utenza. Il Gestore dei servizi energetici ha pubblicato sul proprio sito il documento contenente  “Le Regole Applicative per la presentazione della richiesta e il conseguimento della qualifica di SEU e SEESEU per i sistemi entrati in esercizio entro il 31/12/2014”. il provvedimento definisce le modalità e le informazioni necessarie al rilascio della qualifica di Sistema Efficiente di Utenza e di Sistema Esistente Equivalente ai Sistemi Efficienti di Utenza, secondo quelli che nel testo sono definiti come “criteri di certezza, equità di trattamento e non discriminazione”. Nel dettaglio nel documento sono descritte: le modalità di richiesta, il procedimento di valutazione e la comunicazione degli esiti della qualifica e le modalità di comunicazione delle modifiche in esercizio realizzate.

 

Il conseguimento della qualifica SEU/SEESEU (A-B-C) comporta (ovvero prodotta e consumata all’interno del Sistema), a seconda della categoria di Sistema riconosciuto, previste dal decreto legislativo n. 115/08, come modificato e integrato dal decreto legislativo 56/10 e dalla Legge 116/2014. Le regole ricordano come a decorrere dal 1° gennaio 2015 per SEU o SEESEU (quest’ultimi classificati in tre categorie: A, B e C) abbiano condizioni tariffarie agevolate sull’energia elettrica autoconsumata; i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema, limitatamente alle parti variabili, si applicano sull’energia elettrica consumata e non prelevata dalla rete, in misura pari al 5% dei corrispondenti importi unitari dovuti sull’energia prelevata dalla rete.

“Tali disposizioni  – si legge nel testo – non si applicano per gli impianti a fonti rinnovabili operanti in regime di Scambio sul Posto di potenza non superiore a 20 kW, per i quali i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema, limitatamente alle parti variabili, continuano ad applicarsi alla sola energia elettrica prelevata e non anche all’energia consumata e non prelevata dalla rete”.

Sono parte integrante del documento anche gli Allegati contenenti, tra l’altro, i flussi del procedimento di qualifica, un fac-simile della richiesta di qualifica e dell’Allegato Tecnico e le appendici recanti alcuni schemi esemplificativi di SEU/SEESEU, nonché una sintesi dei dati richiesti per ogni categoria di qualifica.

1 commento

  1. Sto disperatamente cercando di capire cosa significhi
    “condizioni tariffarie agevolate sull’energia elettrica autoconsumata; i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema, limitatamente alle parti variabili, si applicano sull’energia elettrica consumata e non prelevata dalla rete, in misura pari al 5% dei corrispondenti importi unitari dovuti sull’energia prelevata dalla rete.”
    In pratica cosa accadrà? Ci daranno più soldi? E se si quanti? Le leggi sono come sempre poco decifrabili dall’uomo della strada anche se in possesso di laurea. Forse avrei dovuto laurearmi in legge,ma non sono certo che l’avrei interpretata nel modo giusto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui