Deutsche Bank lancia un piano di investimenti sostenibili da 200 mld

Il piano di investimento della Deutsche Bank si baserà sulla tassonomia delle finanze dell’Unione Europea e su una definizione propria di “finanza sostenibile”.

La banca tedesca si schiera per l’economia “verde” puntando sugli investimenti sostenibili

(Rinnovabili.it) – Per mostrare la serietà delle sue politiche climatiche, la tedesca Deutsche Bank ha annunciato di voler impegnare circa 200 miliardi di euro in finanziamenti ed investimenti sostenibili entro il 2025. Il piano includerà prestiti e obbligazioni, ma vedrà escluse le attività gestite da DWS, l’asset manager da 767 miliardi di euro di patrimonio.

Con la pressione dell’opinione pubblica che aumenta, l’Unione Europea sta cercando di garantire che gli investimenti sostenibili siano al centro dei piani di ripresa economica dopo la pandemia di covid-19.  L’annuncio di Deutsche Bank arriva dopo che 50 amministratori delegati del settore bancario europeo hanno lanciato la cosiddetta alleanza per il recupero verde, il cui obiettivo è sostenere piani di investimento che mettano la lotta ai cambiamenti climatici al centro della politica economica europea.

Leggi anche Fondi sostenibili: rispondono meglio alla crisi dei mercati

A proposito di investimenti sostenibili, a lungo motivo di aspro confronto nell’ambito delle istituzioni UE, Deutsche Bank ha affermato che baserà la sua definizione di finanza sostenibile sulla tassonomia delle finanze dell’eurozona. Ma non solo, adotterà anche dei criteri propri che verranno presentati entro la fine di giugno. La banca tedesca ha inoltre sottolineato che riferirà annualmente i progressi della sua politica climatica rispetto al raggiungimento dell’obiettivo nel 2025.

“Siamo spinti da una convinzione molto forte di contribuire ad un’economia sostenibile, neutrale dal punto di vista climatico e sociale”, ha dichiarato a Reuters l’amministratore delegato di Deutsche Bank, Christian Sewing. “Nonostante il nostro obiettivo sia ambizioso, abbiamo un ottimo punto di partenza, ha sottolineato Sewing riferendosi alla capacità dell’istituto di soddisfare la crescente domanda per prodotti di investimento sostenibili.

Leggi anche Finanza sostenibile: da che parte stanno le banche?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui