E’ in vendita Atri, la casa off-grid svedese che ricorda una serra

Progettata da Naturvillan, la casa off-grid è completamente staccata dalla rete, affidandosi al fotovoltaico integrato, ad un pozzo artificiale, al riciclo delle acque reflue, alla progettazione passiva e all’uso di materiali naturali

Credits by ERA – naturvillan

Atri, la casa off-grid, è costruita sulle sponde del lago Vänern

(Rinnovabili.it) – I progettisti svedesi di Naturvillan hanno messo in vendita la loro ultima creazione “Atri”, una casa off-grid completamente autosufficiente nei servizi energetici, idrici e impiantistici. Il design ricorda quello di una serra inserita lungo le sponde del lago Vänern in Svezia.

Da sempre il team Naturvillan porta avanti come cavallo di battaglia quello della sostenibilità. Realizzando edifici che utilizzano materiali naturali a basso impatto, progettati sfruttando al meglio le soluzioni passive per ridurre i consumi e dotati di sistemi impiantistici all’avanguardia. Le stesse caratteristiche riscontrabili in “Atri”.

Certo una casa off-grid di questo tipo non è di sicuro per tutte le tasche. Al momento il prezzo di vendita si aggira attorno agli 850mila euro per 124 mq di superficie della casa e i circa 1.300 mq di terreno.

A prescindere dal prezzo Atri è sicuramente affascinante nel design e nelle soluzioni adottate.

Una villa climaticamente autosufficiente

casa-off-grid
Credits by ERA – naturvillan

La forma triangolare della casa prende spunto dalle cime affusolate delle vicine conifere. Mentre l’involucro esterno trasparente permette di creare un tutt’uno tra interno ed esterno. Per diventare una casa off-grid nel vero senso della parola, la Villa svedese, sfrutta per l’estate una serie di celle solari che forniscono energia alla batteria centrale. Questo permette di riscaldare l’acqua per usi sanitari, di fornire elettricità, di raffrescare e anche di ricaricare la propria auto elettrica.

Ma sono gli inverni il vero problema a questa latitudine. In questa stagione il lavoro viene svolto da una stufa a legna che alimenta il sistema di riscaldamento della casa e fornisce l’acqua calda. Per mantenere sempre alto il livello di efficienza, il proprietario deve tener traccia di quanta energia è contenuta nelle batterie a seconda dello stile di vita condotto in quel periodo. Se l’energia non fosse sufficiente si ricorre al funzionamento della centrale per ricaricare le batterie.

Leggi anche Il vincitore dei Solar Decathlon Europe 21/22 è RoofKIT, la casa costruita sui tetti

Quando gli inverni durano più del previsto o sono particolarmente rigidi i futuri proprietari di Atri, possono far affidamento ad un paio di soluzioni extra. La prima è il rifornimento di acqua potabile disponibile nel vicino pozzo delle proprietà. Il sistema rifornisce acqua alla casa anche grazie ad un particolare sistema di filtraggio delle acque reflue, che sfrutta le piante della serra interna alla casa, per purificare l’acqua. In questo modo le piante ricevono il nutrimento necessario, mentre si riducono gli sprechi idrici. Il ciclo si conclude con la produzione di frutta e verdura per il proprietario di casa.

Per assicurare il massimo rendimento e il corretto funzionamento di una casa off-grid è indispensabile prestare attenzione al contesto. In questo caso la posizione geografica implica un’attenzione al clima invernale freddo, piuttosto che alle estati sempre fresche.

Articolo precedenteLa Corte suprema del Brasile: l’accordo di Parigi è prevalente sulle leggi nazionali
Articolo successivoCarburanti aerei: olio di frittura e H2 dovrebbero divenire la norma

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui