Ceramic House, Amsterdam: le incredibili potenzialità della ceramica stampata in 3D

Grazie a un processo di fabbricazione digitale all’avanguardia, lo Studio Rap ha realizzato una facciata organica composta da moduli unici in ceramica stampata in 3D e mattoni stampati smaltati

ceramica stampata in 3D
Ceramica House, Studio RAP – Credito fotografico: Riccardo De Vecchi – via v2Com

Studio RAP: “Il design permette di ispirare le persone di tutto il mondo attraverso un’espressione contemporanea dell’artigianato digitale

(Rinnovabili.it) – Un concetto è oramai chiaro: non esiste limite alle potenzialità offerte dalla stampa tridimensionale indipendentemente dalla materia prima utilizzata. E nel campo dell’architettura questo sistema costruttivo a cavallo tra l’artigianato e la programmazione porta con sé risultati davvero sorprendenti. E’ il caso della ceramica stampata in 3D utilizzata dallo Studio RAP per realizzare l’involucro esterno di una casa ad Amsterdam.

Un algoritmo per trasformare il disegno in 3D

Ceramica House, Studio RAP – Credito fotografico: Riccardo De Vecchi – via v2Com

Soprannominata non a caso Ceramic House, la struttura fonde perfettamente la tradizione costruttiva architettonica con l’innovazione tecnologica. La facciata esterna dell’edificio è infatti realizzata con mattoni e piastrelle stampati che seguono una trama estremamente particolare ispirata ai capi di maglieria.

A trasformare il disegno 2D, nel blocco ceramico da applicare alla facciata dell’edificio è un algoritmo appositamente definito dai progettisti. Da lontano la facciata appare perfettamente sincronizzata con gli edifici storici che la affiancano. La scala dell’edificio, le dimensioni, il tipo ed il colore degli ornamenti, rispecchiano le caratteristiche degli immobili vicini consentendo a Ceramic House una perfetta integrazione nel contesto. Ma è avvicinandosi all’architettura che tutto cambia.

Leggi anche I rifiuti di cantiere riciclati diventano inchiostro per la nuova Stampa 3D ad Impatto 

Piastrelle ceramiche e mattoni smaltati stampati in 3D

A livello della strada la Ceramic House mostra una trama organica, fatta di pieghe eleganti, motivi a punto ed una texture possibile solo grazie al supporto della robotica e della progettazione algoritmica. Nel basamento la facciata è realizzata con grandi piastrelle in ceramica stampata in 3D smaltate di bianco perla. Ogni singolo elemento è pensato per essere estremamente espressivo all’altezza degli occhi, per allinearsi poi verso il filo del suolo senza soluzione di continuità.

I piani alti invece rispecchiano la tradizione, grazie a mattoni stampati in 3D smaltati in tre distinte tonalità di rosso. Gli ornamenti sfumano man mano che salgono verso il tetto creando una facciata organica in movimento.

La ceramica stampata in 3D della Ceramic House di Amsterdam, esprime tutte le potenzialità di questa tecnologia che, se applicata all’architettura, potrebbe ridurre al minimo lo spreco di materiali ottimizzando anche le risorse impiegate.

Articolo precedenteLa finanza dannosa per la natura vale il 7% del pil globale
Articolo successivoI nuovi OGM non piacciono a mezza Europa: fumata nera sulle TEA al Consiglio UE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!