Nasce il network Timber Forward Italia per superare i pregiudizi sulle costruzioni in legno 

Creare una cultura del legno superando le barriere che ostacolano la diffusione delle costruzioni in legno quale alternativa possibile, già oggi, per un comparto edilizio sempre più green.

case-legno
Foto di Darwin Vegher su Unsplash

Il progetto  nasce dalla collaborazione tra Green Building Council Italia, Lendlease ed altri attori internazionali

(Rinnovabili.it) –  E’ stato presentato la scorsa settimana Timber Forward Italia, il progetto che permetterà di unire le forze tra tutti gli stakeholder del settore delle costruzioni in legno per migliorare le competenze, condividere le conoscenze e promuovere una collaborazione attiva all’interno della filiera. Giunto alla sua seconda fase, il progetto deve la sua nascita alla proficua collaborazione tra Green Building Council Italia, con il Socio Lendlease – leader globale nel Real Estate, specializzato in progetti di riqualifica urbana su larga scala, ed altri attori internazionali. 

L’iniziativa Timber Forward Italia si inserisce nel più grande contenitore definito dalle azioni del Built by Nature. Un network sostenuto da Laudes Foundation con la missione di finanziare azioni dedicate ad accelerare l’adozione di materiali bio-based, ed in particolare il legno, nel settore delle costruzioni e a livello europeo.

Un progetto per creare la cultura del legno

La prima fase “Perception of Timber – Accelerating Change at MIND”, si è conclusa a febbraio 2023 ed aveva quale obiettivo quello di superare le “barriere” ideologiche e culturali nei confronti delle costruzioni in legno. MIND, il Milano Innovation District di Leandlease è stata la piattaforma ideale per coinvolgere i principali decision-maker italiani ed internazionali, in questo intervento. 

“Il progetto Timber Forward rappresenta un’opportunità straordinaria, promossa convintamente dal Green Building Council Italia, insieme a Lendlease. Una conferma dell’impegno dell’Associazione a promuovere strumenti concreti e iniziative di networking. Intendiamo orientare la società e il settore delle costruzioni verso pratiche e strategie in grado di riscoprire sempre di più l’utilizzo di materiali bio-based, come il legno, per edifici inclusivi e orientati al benessere delle persone e del pianeta” conferma Fabrizio Capaccioli – Presidente GBC Italia. 

Quest’anno il progetto perseguirà invece altri obiettivi altrettanto ambiziosi: 

  • Creazione di una piattaforma di aggregazione che riunisca i principali stakeholder competenti, così da rispondere alle necessità di scambio di conoscenze e collaborazione;
  • Riconoscimento di un ruolo attivo a tutti gli operatori della filiera;
  • Promozione della crescita delle industrie locali del legno;
  • Elaborazione di proposte condivise di disposizioni legislative e regolatorie;
  • Sostegno all’attuazione di strategie circolari relative ai materiali bio-based.

L’obiettivo finale sarà quello di creare una “cultura del legno”, sensibilizzando le aziende private, i professionisti del settore e i decisori pubblici, al fine di attrarre investimenti e talenti verso il settore delle costruzioni in legno.

Superare le barriere che ostacolano la diffusione dell’edilizia in legno

Come parte del più grande network Built by Nature, il progetto Timber Forward Italia contribuirà a superare le criticità attribuite alle costruzioni in legno, un retaggio culturale più che reale.

 “Il percorso di Lendlease verso il Net Zero – senza compensazioni – entro il 2040 richiede un cambiamento del settore verso un futuro a basse emissioni. L’iniziativa di Build by Nature e GBC Italia “Timber Forward Italia” è pienamente in linea con l’impegno dell’industria delle costruzioni verso l’innovazione e la riduzione delle emissioni di scopo 3 “, sottolinea  Nadia Boschi – Head of Sustainability Italy & Continental Europe di Lendlease.

La roadmap per la decarbonizzazione

Timber Forward Italia contribuirà significativamente a raggiungere gli obiettivi prefissati dalla Roadmap per la decarbonizzazione, sviluppata a livello europeo e portata sul territorio italiano grazie all’impegno di Green Building Council Italia. In questo scenario, il ruolo del progetto dedicato alle costruzioni in legno sarà quello di fornire al mercato delle linee guida in merito all’utilizzo delle strutture lignee, in ottica di sostenibilità e circolarità, supportate dalle ricerche condotte nelle diverse fasi di progetto.

Il prototipo a Mind Timber

Ma per passare dalla teoria alla pratica è stato realizzato un progetto pilota. Il prototipo in legno, costruito all’interno di MIND, è un modulo strutturale tipico di edifici commerciali ad altezza elevata, che vuole far percepire l’effetto finale delle future strutture in legno ingegnerizzato. La struttura è stata realizzata ricreando un Digital Twin del progetto che ha permesso di tradurre il modello tridimensionale dell’edificio in un modello di produzione avanzato, riducendo al minimo gli sprechi e gli errori di produzione. Assemblato sotto la supervisione di Lendlease in collaborazione con Woodbeton, funge da terreno comune per lavorare insieme e collaborare sulle barriere legate all’adozione del legno in ambito assicurativo, normativo e tecnologico.

Articolo precedenteL’Ucraina deve chiedere compensazioni alla Russia per danni ambientali di guerra
Articolo successivoEstinzione specie migratorie, a rischio il 97% dei pesci

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!