Un giardino rialzato per il nuovo Rettorato di Roma Tre firmato Cucinella

Una piazza coperta, un giardino in quota, sostenibilità, progettazione passiva e attenzione al dettaglio, ecco il nuovo Rettorato di Roma Tre di MC A

Rettorato Roma Tre
Rettorato Roma Tre MC A – credits MCA

(Rinnovabili.it) – E’ lo spazio pubblico a caratterizzare il progetto del nuovo Rettorato di Roma Tre progettato dal team di Mario Cucinella Architetti e recentemente inaugurato.

Collocato all’interno dell’ampio programma di riqualificazione urbana dell’area romana “Ostiense-Marconi-Garbatella”, l’edificio universitario si sviluppa secondo due corpi di fabbrica distinti.

Progettazione attenta degli spazi

Rettorato Roma Tre MC A - credits MCA
Rettorato Roma Tre MC A – credits MCA

Prima di dar vita alle tre strutture ellittiche, i progettisti di MC A hanno attentamente analizzato la disposizione dell’area, i livelli di irraggiamento, i venti dominanti, le precipitazioni e le temperature. Il risultato è un’architettura disegnata appositamente per quel sito.

Leggi anche Tecla: la prima casa stampata in 3D in terra cruda locale

L’assottigliamento sui fronti est e ovest riduce l’abbagliamento ed il surriscaldamento estivo, mentre le terrazze e gli aggetti presenti sul fronte sud permettono di ridurre l’apporto solare con finalità analoghe alle precedenti.

Guardando la facciata non può non saltare all’occhio l’andamento verticale delle lamelle a protezione dell’involucro.

Energia, ambiente e verde accessibile

Il progetto punta a ridurre al minimo la domanda di energia necessaria al proprio funzionamento, mantenendo però sempre elevati i livelli di comfort sia interni che delle aree esterne.

Un giardino in quota da vita alla piazza pubblica sottostante, dove riposare al riparo dal sole o dalla pioggia. Il verde è forse una delle componenti più importanti del progetto: orti e patti, si alternano a giardini collocati a varie altezze. Nel giardino del rettorato una piccola oasi verde di aceri e piante aromatiche, valorizza lo spazio.

Articolo precedenteNucleare, l’acqua della centrale di Fukushima avrà un impatto “minimo”
Articolo successivoI vantaggi degli azionamenti Ultra Low Harmonic targati ABB

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!