La Scuola ‘appesa’ e la Torre di alghe, si aggiudicano il titolo di Edificio dell’anno e del Futuro

L’edificio dell’anno 2023 ed il Progetto del Futuro sono stati selezionati dalla giuria internazionale tra 495 finalisti di categoria

edificio dell'anno
Edificio dell’anno 2023 – Huizhen High School by Approach Design Studio – Zhejiang University of Technology Engineering Design Group Co.,Ltd

I progetti vincitori globali sono stati annunciati al World Architecture Festival 2023 di Singapore

(Rinnovabili.it) – In occasione del celebre evento internazionale World Architecture Festival, tenutosi quest’anno a MarinaBay Sands di Singapore, sono stati annunciati i tre progetti vincitori a livello mondiale: l’Edificio dell’Anno 2023, il Future Project e il Paesaggio dell’anno.

L’evento, giunto alla sua 16° edizione, ha selezionato i progetti migliori a partire da oltre 495 finalisti, dai quali si è passati poi a scegliere i 44 vincitori di ciascuna categoria suddivisa tra edifici completati, edifici futuri, Inside e Landscape.

L’Edificio dell’anno 2023 secondo i WAF Awards

A strappare la vittoria ai concorrenti quale Edificio dell’anno 2023 è l’Huizhen High School di Approach Design Studio per la Zhejiang University of Technology Engineering Design Group in Cina. Situata nel distretto di Jiangbei, Huizhen rivoluziona completamente il concetto tradizionale di campus. La scuola superiore si sviluppa sul principio dell’efficienza degli spazi, per ridurre al minimo il tempo “sprecato”, ma anche consentendo agli studenti di vivere questi luoghi senza alcuna pressione psicologica. Il risultato è un’architettura che si alterna al parco, rendedno gli spazi dello studio compatti ed efficienti e, nello stesso tempo, associandoli ad ampie aree verdi dove rilassarsi tra una lezione e l’altra o durante i fine settimana. L’Huizhen High School è composta da una foresta galleggiante con aule appese ed unite da sentieri tortuosi. Le case sugli alberi sparse forniscono agli studenti una fuga temporanea dalle lezioni. L’aula magna è posta sulla copertura ed è all’aperto, direttamente connessa con gli impianti sportivi sempre collocati sul tetto giardino ed accessibili anche dal pubblico.

Il progetto Futuro dell’anno

Progetto del Futuro – The Probiotic Tower by Design and more international Photo credit: Karim Mousa – Founder and art director of Mozses

Oltre all’Edificio dell’anno i WAF Awards hanno permesso di eleggere anche il miglior progetto “Futuro” del 2023. In questo caso la vittoria è andata a The Probiotic Tower di Design e More International in Egitto. Il progetto proveniente dalla categoria Architetture sperimentali, propone di riutilizzare le torri idriche abbandonate trasformandole in un sistema adattivo della città per affrontare positivamente il cambiamento climatico. Al centro della Probiotic Tower c’è un grande serbatorio bioreattore di alghe che assorbe CO2. L’edificio è poi completato con piantagioni di bambù, creando un impianto di produzione di legname lamellare CLT per rifornire le costruzioni locali. L’assorbimento della CO2 avviene poi anche in facciata grazie ad una serie di pannelli con bioreattori ad alghe, mentre i canneti permettono il trattamento della acque reflue. La torre è anche dotata di pannelli fotovoltaici.

Il premio per il Paesaggio dell’anno va ad una riqualificazione

Paesaggio dell’anno – Benjakitti Forest Park by TURENSCAPE – Photo © Turenscape & Arsomsilp Community

Nell’ultima giornata dei WAF Awards 2023 è stato anche assegnato il premio Paesaggio dell’anno, andato al “Benjakitti Forest Park: trasformare un’area dismessa in un santuario ecologico urbano” realizzato da TURENSCAPE, in Tailandia. Il design vincitore trasforma una ex fabbrica di tabacco in un ecosistema vivente resiliente, ora diventato il più grande spazio ricreativo pubblico del centro di Bangkok. Il progetto riduce la forza distruttiva dell’acqua piovana, filtrandola e creando un habitat naturale in una regione monsonica fortemente soggetta agli allagamenti.

Articolo precedenteTriplicare il nucleare, alla Cop28 alleanza di 22 paesi (e l’Italia dice no)
Articolo successivoCase automobilistiche europee in ritardo nelle forniture di minerali rari 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!