La Serre di MVRDV a Parigi, trasforma l’appartamento cittadino in un’oasi urbana

E’ iniziata con la piantumazione del primo albero la costruzione di La Serre, l’oasi urbana concepita da MVRDV che proverà a rivoluzionare il normale concetto di edilizia urbana

La Serre
MVRDV_La Serre_Street ©ENGRAM

L’edificio di La Serre ospiterà oltre 390 alberi riservando il 25% della superficie abitativa agli spazi esterni e verdi

(Rinnovabili.it) – Inizia la costruzione di La Serre, un’oasi urbana nel cuore dell’eco quartiere Zac Leon Blum a Parigi. Questo edificio di 18 piani è il risultato della collaborazione tra gli architetti di MVRDV, la paesaggista Alice Tricon e lo sviluppatore OGIC. L’obiettivo del team è quello di trasformare il tradizionale concetto di edilizia urbana, aprendo l’architettura a nuove possibilità costruttive dove anche il verde diventi protagonista.

Un villaggio verticale paesaggistico

La Serre
MVRDV_La Serre_Aerial ©ENGRAM

La Serre ospiterà 390 alberi piantumati su tutta la facciata e a disposizione delle 190 unità abitative, il 30% delle quali sarà destinato all’edilizia sociale. Mentre il piano terra sarà destinato al commerciale, le unità abitative si sviluppano in verticale all’interno di una “griglia” in acciaio aperta. In questo modo tutti gli appartamenti, sia i monolocali che i quadrilocali, si apriranno all’esterno con balconi o terrazze già dotate di verde.

Il giardino verticale di La Serre ideato dalla paesaggista Alice Tricon sarà arricchito con 150 specie vegetali diverse, di cui il 70% autoctone e studiate nel dettaglio in base alla loro altezza ed esposizione al sole. Altrettanta importanza è stata riservata alla tutela della fauna urbana, utilizzando materiali a basso contenuto di carbonio e predisponendo cassette-nido per uccelli ed insetti. La Serre si collega poi al sistema di riscaldamento dell’ecoquartiere attraverso il recupero delle acque reflue.

Sostenibilità sociale

La Serre
MVRDV_La Serre_Vertical garden ©OGIC

Il verde pensile di La Serre avrà più che altro una funzione sociale, grazie ai molteplici spazi aperti ed accessibili a tutti i residenti. Oltre il 25% della superficie abitativa dell’edificio è dedicata a terrazzi e balconi, garantendo in media 15 mq di verde per residente. Il compito di gestire il verde, sia privato che pubblico, sarà affidato ad un giardiniere dedicato, che si occuperà anche della manutenzione quotidiana.

leggi anche MVRDV completa Matrix One: il primo edificio smontabile e riutilizzabile al 90%

Con La Serre portiamo la natura nel cuore della città. Questa comunità verde e verticale ospita un vero e proprio ecosistema sociale ed ecologico, grazie alla sua facciata animata”, afferma Winy Maas, socio fondatore di MVRDV. “La Serre dimostra come il biologico e il sociale possano essere promossi contemporaneamente in architettura, creando un vero e proprio habitat urbano a Issy-les-Moulineaux. Sfruttando il benessere delle persone e della natura in questo progetto, speriamo di ispirare tipologie ibride innovative e sostenibili simili, sia nella regione parigina che in tutto il mondo”.

Articolo precedenteDalla Cina la batteria idrogeno-cloro che funziona anche a -70°C
Articolo successivoAccordo Italia-Germania sull’energia, al centro c’è ancora il gas fossile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!