SAWA, il primo condominio in legno costruito al 90% in CLT

Firmato da Mei Architects, SAWA sarà un condominio in legno costruito per oltre il 90% in CLT, lasciando ampio spazio alla biodiversità

condominio-legno
SAWA credits: Mei Architects

(Rinnovabili.it) – Tra pochi anni Rotterdam potrà vantare il suo primo condominio in legno interamente realizzato in CLT.

Chiamato SAWA e progettato da Mei Architects and Planners per la compagnia Nice Developers & Era Contour, la torre raggiungerà i 50 metri ospitando 100 appartamenti.

L’edificio di Rotterdam si concentrerà sull’economia circolare del legno, promuovendo la biodiversità e la creazione di una comunità sana inserita nel verde. L’obiettivo primario era di ridurre le emissioni di CO2 aiutando a raggiungere gli obiettivi climatici nazionali e internazionali.

L’edificio più “sano” dei Paesi Bassi

Una scelta consapevole è stata fatta dai progettisti per ridurre il volume edilizio di SAWA rispetto al modello urbanistico, optando per una forma a gradoni che ben si presta ad accogliere le ampie terrazze a verde.

Committente e progettista hanno il comune obiettivo di realizzare un edificio quasi completamente in CLT (al 90,97%) ovvero inglobando anche il sistema strutturale portante. I vantaggi della costruzione in Legno lamellare sono davvero molteplici: oltre ad immagazzinare CO2 e ridurre le emissioni, si riducono i tempi di consegna rispetto alle costruzioni tradizionali in cemento aumentando però il comfort abitativo.

Il legno è lasciato a vista negli appartamenti e nelle gallerie pedonali, tranne che negli spazi come wc o ripostigli dove le rifiniture saranno ad intonaco.

L’innovazione nella combinazione di sistemi

Sawa non è stato progettato come un edificio rivoluzionario nella tecnologia del legno, l’innovazione è nell’aver saputo combinare differenti tecniche già sviluppate massimizzando l’impiego del legno per oltre il 90% della torre.

Leggi anche Edifici in legno, il norvegese Mjøstårnet è il più alto al mondo

Il condominio in legno sorgerà proprio al centro della città mostrandosi come una buona pratica da apprendere e copiare. Al piano terra un ponte verde servirà da connettore tra l’edificio e l’area circostante valorizzando anche lo spazio pubblico esterno.

Agli appartamenti si accede attraverso un ballatoio esterno proprio per massimizzare il contatto tra gli utenti e l’esterno.

Biodiversità

SAWA credits: Mei Architects
SAWA credits: Mei Architects

Il design del condominio in legno SAWA è progettato per favorire la biodiversità, riportando la natura nelle città sempre più urbanizzate. Oltre ad accogliere orti urbani e giardini pubblici, l’edificio dove possibile ospiterà anche nidi per uccelli.

Gli alberi utilizzati per la costruzione provengono da produzioni sostenibili dove per ogni albero tagliato ne verranno ripiantati tre. Anche gli altri materiali impiegati saranno di provenienza naturali o riciclabili.

La ventilazione naturale e controllata, l’involucro altamente isolato i pannelli fotovoltaici, il recupero dell’acqua piovana ed il controllo del guadagno solare completano l’edificio rendendolo effettivamente un valido esempio.

L’energia rinnovabile prodotta in eccesso servirà per alimentare le ricariche delle auto elettriche e delle biciclette condivise.

Articolo precedenteTassonomia verde, l’alleanza di investitori da 50mila mld di euro dice no al gas
Articolo successivoEnergia elettrica: per l’Iea rischiamo altri 3 anni di altalena dei prezzi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui