Le aziende europee sul percorso di riscaldamento di 2,7°C

La limitazione del riscaldamento globale a 1,5°C richiederebbe che le aziende europee moltiplicassero per 8 il proprio attuale livello di ambizione sulle emissioni, secondo le stime del rapporto di CD Europe.

aziende europee
Foto di Ronald Carreño da Pixabay

Secondo una nuova ricerca di CDP Europe, organizzazione non-profit finanziata dall’Unione Europea, e di Oliver Wyman, società di consulenza strategica globale, si sta formando un mismatch di 4mila miliardi di euro tra i prestiti bancari che mirano ad essere “allineati a Parigi” e il mercato per questi prestiti aziendali in Europa. La ricerca si basa sui dati che quasi 1.000 imprese – che rappresentano circa l’80% del valore del mercato europeo – hanno fornito a CDP nel 2020 e su un’ampia ricerca di mercato.

Leggi anche I Science Based Targets delle aziende? Non sono basati sulla scienza

Il report Running hot: accelerating Europe’s path to Paris, pubblicato oggi, stima che il 95% di tutti i prestiti alle imprese in Europa provengono da banche che intednono allinearsi all’Accordo di Parigi. 

Ma meno di 1 azienda europea su 10 finora ha obiettivi di emissioni tali da limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C, in linea  con l’obiettivo di Parigi. – Ciò significa di conseguenza che le banche che finanziano queste aziende sono oggi lontane dall’essere allineate all’accordo. 

Il divario sta iniziando a ridursi. Gli ultimi dati aziendali mostrano uno slancio verso una migliore definizione degli obiettivi tra le aziende, con le migliori che si stanno decarbonizzando velocemente. Il 56% delle aziende riferisce di avere un piano di transizione in atto – oltre il 75% nel settore energetico. È incoraggiante che oltre il 50% delle aziende europee per valore di mercato abbia aderito all’iniziativa Science Based Targets, che controlla se gli obiettivi di emissione sono allineati con l’accordo di Parigi, oppure no.  Infine, le più virtuose  in termini di decarbonizzazione hanno riportato riduzioni di emissioni totali del 15% l’anno scorso, e hanno tagliato l’intensità di carbonio (emissioni per entrate) di un quinto

Persistono però grandi differenze. Nei settori dell’acciaio e delle utilities impiegate nell’energia elettrica, i dati mostrano che le aziende migliori sono fino a 4 volte più efficienti in termini di emissioni di CO2 di quelle con le prestazioni più basse. E solo il 35% delle aziende nei settori a più alto impatto ambientale sta pubblicando i dati sulle proprie emissioni indirette – Scope 3 – che costituiscono almeno l’80% di tutte le emissioni totali riportate – e questo è un dato addirittura sottostimato.  

Gli autori del rapporto hanno anche sviluppato tre possibiliscenari per il 2030, stabilendo tassi alternativi di accelerazione nella definizione degli obiettivi aziendali. I risultati indicano che per limitare il riscaldamento a 1,5°C sarebbe necessario moltiplicare per 8 l’attuale livello di ambizione delle aziende europee sulle emissioni.  Gli scenari si basano sui punteggi CDP, che danno un’indicazione generale dell’attuale performance climatica di un’azienda, e sul CDP temperature rating, che assegna un percorso di temperatura alle aziende in base agli obiettivi di riduzione delle emissioni. 

Ascolta la nuova puntata del podcast di Rinnovabili.it

Il rapporto sottolinea anche il ruolo chiave delle banche e degli investitori nel raggiungimento di questo obiettivo. Attualmente, solo la metà delle istituzioni valuta se i clienti o le società partecipate hanno strategie allineate all’Accordo di Parigi. Ma senza un maggiore impegno, il rapporto stima che in uno scenario di “modesta accelerazione” le banche potrebbero aver bisogno di adeguare i loro portafogli di prestiti del 20-30% per raggiungere gli obiettivi di Parigi. 

Complessivamente, il settore aziendale europeo è sulla buona strada per i 2,7 °C di riscaldamento globale entro la fine del secolo – con paesi che vanno da 2,3°C (Svizzera) a 3,0°C (Regno Unito, Belgio, Italia). 

Il nuovo rapporto viene presentato oggi al CDP Europe Awards, tenutosi con la Banca europea per gli investimenti su Euronews, dove intervengono Angela Merkel e il commissario europeo per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’Unione dei mercati dei capitali. 

Maxfield Weiss, direttore esecutivo di CDP Europe, ha detto dei risultati: “Il fatto che le imprese leader in molti settori stiano ora fissando obiettivi ambiziosi e riducendo le emissioni è positivo, e mostra che una rapida decarbonizzazione è fattibile. Ma i nostri nuovi dati mostrano che abbiamo serve molto più impegno da parte delle aziende e delle istituzioni finanziarie per raggiungere i nostri obiettivi. Le banche e gli investitori hanno le loro grandi ambizioni: ora abbiamo bisogno di loro per coinvolgere di più le aziende per aumentare il livello di divulgazione e di azione in modo da accelerare il cammino dell’Europa verso Parigi e per realizzare il Green Deal europeo”.

James Davis, responsabile della finanza sostenibile in Europa di Oliver Wyman, ha aggiunto: “Il documento di quest’anno include sviluppi incoraggianti, con più della metà delle aziende che stabiliscono piani di transizione, e molte che fanno veri passi avanti nella riduzione delle emissioni. Ma mostra anche quanto abbiamo bisogno di accelerare il passo se vogliamo raggiungere gli obiettivi di Parigi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui