Rinnovabili • Corporate Sustainability Due Diligence Directive

Corporate Sustainability Due Diligence Directive pubblicata in Gazzetta

PremiumContenuto
Premium

Dalle tempistiche alle soglie dimensionali, passando per le sanzioni e il nuovo Piano di transizione aziendale. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla nuova Direttiva europea dedicata agli obblighi di diligenza in materia di sostenibilità delle imprese

via Depositphotos di Paolo Peroni e Kiara Leone, Rödl & Partner  Il tempo dell’attesa è finito: oggi, 5 luglio 2024, è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea  la Direttiva (UE) 2024/1760 sugli obblighi di diligenza in materia di sostenibilità delle imprese, oramai nota come Corporate Sustainability Due Diligence Directive o CSDDD (pdf).  Largamente preannunciata, fortemente voluta, da più parti osteggiata, certamente ponderata, la CSDDD è finalmente approdata al suo testo finale e definitivo, pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale e quindi vincolante per tutti gli Stati Membri europei. Vediamone, in sintesi, alcuni capisaldi, riservandoci un più approfondito esame “di impatto” nelle prossime settimane. Indice dei contenuti Toggle Corporate Sustainability Due Diligence Directive: Tempi e ScadenzeSoglie dimensionaliSanzioni e responsabilità civiliGli adempimenti richiesti alle imprese in breveI contenuti minimi delle politiche di ESG Due DiligenceLa mappatura e prevenzione degli impatti negativi effettivi e potenzialiMisure contro il cambiamento climaticoGli obblighi di comunicazioneChe cosa fare Corporate Sustainability Due Diligence Directive: Tempi e Scadenze Entro il 26 luglio 2026, gli Stati Membri dovranno adottare e pubblicare le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla Direttiva e, a partire dal 26 luglio 2027, un numero via via crescente di grandi imprese e gruppi saranno…