Rinnovabili • Tecnologie verdi: l’Europa è ancora leader globale

L’Europa resta leader globale nelle tecnologie verdi e sostenibili

PremiumContenuto
Premium

Un rapporto di Banca europea degli investimenti e Ufficio europeo dei brevetti analizza il panorama mondiale dell’innovazione nelle tecnologie per la transizione. L’UE continua a innovare più di tutti. Ma la Cina sta recuperando rapidamente terreno e le aziende europee hanno molte più difficoltà a farsi finanziare rispetto ai competitor statunitensi

Foto di Dragos Gontariu su Unsplash In UE brevettato il 22% delle tecnologie verdi a livello mondiale L’Europa è ancora il centro propulsivo globale dell’innovazione nelle tecnologie verdi e sostenibili. Vengono finanziate, sviluppate e brevettate nel Vecchio Continente il 22% delle tecnologie pulite a livello mondiale. Con livelli anche superiori di eccellenza per quanto riguarda le soluzioni a basse emissioni di carbonio in ambito energetico, quelle per la mobilità e nel settore delle alternative sostenibili ai materiali plastici. Uno scenario “confortante” in un contesto con “temperature record e di obiettivi di sviluppo sostenibile sempre più urgenti”, commenta António Campinos, presidente dell’Ufficio europeo dei brevetti (EPO), che insieme alla Banca europea degli investimenti (BEI) ha pubblicato di recente un rapporto sullo stato della corsa globale allo sviluppo di tecnologie verdi e sostenibili. I paesi europei riescono a mantenere il primato rispetto ai principali concorrenti globali, anche se la Cina sta rapidamente recuperando terreno. L’UE e gli altri paesi europei che si appoggiano all’EPO rappresentano insieme quasi il 27% delle famiglie di brevetti internazionali sulle tecnologie verdi a livello globale per il periodo 2017-2021, davanti al Giappone (21%), agli Stati Uniti (20%) e alla Cina (15%). Germania, Francia e Regno Unito sono…
About Author / La Redazione