Una startup austriaca pronta a produrre il primo elicottero elettrico

Avrà due eliche anziché quattro, semplificando la progettazione e riducendo i costi. Così i viaggi elicottero elettrico costeranno come un taxi

elicottero elettrico
Foto di Ian Baldwin su Unsplash

L’elicottero elettrico di FlyNow Aviation avrà 50km di autonomia e viaggerà a 130 all’ora

(Rinnovabili.it) – Entro un paio d’anni un elicottero elettrico leggero e dal futuro promettente potrebbe entrare in produzione. L’ha inventato FlyNow Aviation, una startup austriaca, che ha deciso di deviare dai progetti di veicoli elettrici volanti che abbiamo visto fino ad oggi. Si tratterà di un eVTOL a decollo e atterraggio verticale e si chiamerà eCopter. Invece di mutuare le forme e la struttura del classico drone quadricottero, l’elicottero elettrico ha due eliche a rotore controrotante e un unico sistema di trasmissione coassiale.  

La startup prevede che questa ottimizzazione le permetterà di ottenere più rapidamente il via libera dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea rispetto agli altri veicoli multirotore. La trasmissione coassiale ha meno parti mobili e meno hardware. Questo ne riduce il peso, i costi e la complessità complessiva. Di conseguenza, l’idea è che l’eCopter sia più conveniente da costruire, acquistare e utilizzare, garantendo anche una migliore autonomia della batteria. 

Un telaio, più modelli: ecco come sarà l’elicottero elettrico

FlyNow prevede di offrire versioni monoposto e biposto, insieme a un modello cargo. Tutti i modelli saranno basati su un telaio comune per minimizzare i costi di progettazione e produzione. L’obiettivo dell’azienda è rendere i costi del viaggio aereo simili alle tariffe dei taxi terrestri. Nonostante non ci sia ancora un prototipo, sono stati condotti con successo test su un modello in scala 1:1 completamente equipaggiato.

L’eCopter, secondo i piani della startup austriaca, avrà un’autonomia di volo fino a 50 km, una velocità di crociera di 130 km/h e una capacità di carico massima di 200 kg. FlyNow prevede di iniziare la produzione commerciale nel 2026, iniziando con il modello cargo che dovrebbe essere più facile da certificare. Seguiranno le versioni per il trasporto di passeggeri.

Articolo precedenteAgricoltore custode dell’ambiente e del territorio, approvata la proposta alla Camera
Articolo successivoDai rifiuti tessili il futuro dell’isolamento termico degli edifici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!