Rinnovabili • Colonnine ricarica Italia: 2023 da record, +40%

Crescita record delle colonnine di ricarica in Italia: il 2023 chiude con +40%

Giudizio positivo di Motus-E sui progressi dell’infrastruttura di ricarica per EV nel Belpaese. Il ritmo di crescita è sostenuto e mette l’Italia alla pari con i migliori paesi europei. Anche se l’infrastruttura è sottoutilizzata vista la scarsa diffusione di auto elettriche. Problemi cronici ancora irrisolti sono la distribuzione non omogenea tra Nord, Centro e Sud (ma il Meridione sta recuperando terreno, specialmente la Campania) e il 22% di stazioni installate ma non utilizzabili dal pubblico. Oltre alla giungla di criteri decisi in autonomia dagli enti di governo del territorio che non semplifica la vita agli operatori

Colonnine ricarica Italia: 2023 da record, +40%
Foto di Sophie Jonas su Unsplash

Motus-E pubblica la 5° edizione del report sulle colonnine ricarica in Italia

(Rinnovabili.it) – L’Italia continua a fare bene sul fronte delle infrastrutture di ricarica per auto elettriche ad accesso pubblico. Il 2023 ha segnato nuovi record, con un balzo corposo soprattutto nell’ultimo trimestre. Nei 12 mesi sono stati aggiunti 13.906 nuovi punti di ricarica, di cui 3.450 solo tra ottobre e dicembre. Mentre le stazioni aumentano di 7.663 unità. L’incremento è, rispettivamente, del 38 e del 40% rispetto al 2022. Sono i dati rilasciati da Motus-E nella 5° edizione del rapporto dedicato all’analisi dello sviluppo delle colonnine di ricarica in Italia.

I numeri delle colonnine ricarica in Italia nel 2023

Se si guardano i numeri assoluti, l’anno scorso sono stati installati più punti di ricarica di qualsiasi anno precedente (dal 2019). L’Italia ha superato i 50.000 punti installati e il tasso composto di crescita annuale si attesta al 38%. La nota dolente, sottolinea il rapporto, è il sottoutilizzo: le colonnine di ricarica in Italia ci sono, ma procedono a passo ben più spedito della diffusione di auto elettriche, dove l’Italia è fanalino di coda in Europa con un divario crescente rispetto agli altri grandi mercati auto come Germania e Francia e una quota di EV che resta intorno al 4-5%.

Altro segnale positivo è la penetrazione sempre maggiore della ricarica ultraveloce. La quota dei punti in DC continua a crescere con ritmi maggiori rispetto al 2022: erano il 12%, l’anno scorso sono saliti al 15%. Buona anche la traiettoria di crescita dei punti ultraveloci con potenza superiore ai 150 kW. “Si sottolinea che in termini assoluti nell’ultimo anno sono stati installati 3.120 punti in DC di cui 1.399 Ultra-Fast, con un aumento del 21% rispetto all’installato in DC nel 2022 e del 59% se si considerano solamente i punti sopra i 150 kW”, si legge nel rapporto di Motus-E.

Giudizio positivo anche sulla disponibilità di colonnine a distanze ragionevoli. L’86% del territorio italiano ha almeno 1 punto di ricarica in un raggio di 10 km. Più si va verso le zone urbanizzate, più questo valore cresce. Arrivando anche oltre 500 punti di ricarica nel raggio di 10 km. Nel caso di alcune città metropolitane si superano i 2.000 punti di ricarica.

Un’Italia a due velocità (con poche eccezioni)

Altro aspetto negativo, invece, è la disparità nella distribuzione geografica dell’infrastruttura di ricarica per EV sul territorio nazionale. Un problema cronico, che nemmeno i fondi PNRR stanno contribuendo a risolvere. Il 58% circa delle infrastrutture è situato nel Nord Italia, il 19% circa nel Centro e solo il 23% nel Sud e nelle Isole. Anche se il Sud sta continuando a recuperare terreno.

La Lombardia si riconferma capofila tra le regioni italiane, con quasi il doppio delle colonnine di ricarica del resto del podio: 9.395 contro le 5.169 del Piemonte e le 4.914 del Veneto. Il Lazio con 4.659 è al 4° posto, prima regione non del Nord in classifica. “Questo sviluppo asimmetrico tra il nord e il sud del paese continua negli anni, con la sola eccezione della Campania che in quest’ultimo anno è cresciuta di + 2.691 punti di ricarica. In assoluto. Nell’anno ha fatto meglio solo la Lombardia (+4.853)”, sottolinea Motus-E.

Uno sguardo alle città principali vede Roma al primo posto per numeri assoluti di colonnine ricarica in Italia con 3.588 installazioni, davanti a Milano (2.883) e Napoli (2.652). Ma ponderando questi dati con la superficie comunale è Napoli a salire in cima alla classifica con 225 punti ogni 100 km2, davanti a Milano (183 punti ogni 100 km2) e Roma (67 punti ogni 100 km2).

Il 22% delle stazioni è inutilizzabile

Il Belpaese si trascina anche un altro, annoso, problema. Circa il 22% delle stazioni installate risulta non utilizzabile dagli utenti finali, la stessa quota del 2022. Perché? “Le prime criticità possono emergere in qualunque fase del processo dalla fase di sopralluogo passando per la fase autorizzativa, fino ad arrivare alla posa in opera”, spiega il rapporto. Manca una disciplina univoca e codificata, che obbliga gli operatori del settore ad adeguarsi alle decisioni di ciascun ente di governo del territorio. Che per il momento può decidere i criteri per le installazioni in piena autonomia. Il che crea una giungla disomogenea che mette in difficoltà gli operatori.


Rinnovabili • Turbine eoliche ad asse verticale

Turbine eoliche ad asse verticale, efficienza migliorata del 200%

Dall'EPFL svizzero il primo studio che applica un algoritmo di apprendimento automatico alla progettazione della pale delle turbine VAWT

Turbine eoliche ad asse verticale
via depositphotos

Nuovi progressi per le turbine eoliche ad asse verticale

Un aumento dell’efficienza del 200% e una riduzione delle vibrazioni del 70%. Questi due dei grandi risultati raggiunti nel campo delle turbine eoliche ad asse verticale,  presso l’UNFoLD, il laboratorio di diagnostica del flusso instabile della Scuola Politecnica Federale di Losanna (EPFL). Il merito va a Sébastien Le Fouest e Karen Mulleners che, in un’anteprima mondiale hanno migliorato questa specifica tecnologia impiegando un algoritmo di apprendimento automatico.

leggi anche Ragni giganti in metallo per l’installare l’eolico offshore

Turbine eoliche VAWT, vantaggi e svantaggi

Si tratta di un progresso a lungo atteso dal comparto. Le turbine eoliche ad asse verticale o VAWT per usare l’acronimo inglese di “Vertical-axis wind turbines” offrono sulla carta diversi vantaggi rispetto ai classici aerogeneratori ad asse orizzontale. Ruotando attorno ad un asse ortogonale al flusso in entrata, il loro lavoro risulta indipendente dalla direzione del vento, permettendogli di funzionare bene anche nei flussi d’aria urbani. Inoltre offrono un design più compatto e operano a frequenze di rotazione più basse, il che riduce significativamente il rumore e il rischio di collisione con uccelli e altri animali volanti. E ancora: le parti meccaniche della trasmissione possono essere posizionate vicino al suolo, facilitando la manutenzione e riducendo i carichi strutturali.

Perché allora non sono la scelta dominante sul mercato eolico? Come spiega lo stesso Le Fouest, si tratta di un problema ingegneristico: le VAWT funzionano bene solo con un flusso d’aria moderato e continuo. “Una forte raffica aumenta l’angolo tra il flusso d’aria e la pala, formando un vortice in un fenomeno chiamato stallo dinamico. Questi vortici creano carichi strutturali transitori che le pale non possono sopportare“, scrive Celia Luterbacher sul sito dell’EPFL.

Energia eolica e algoritmi genetici

Per aumentare la resistenza, i ricercatori hanno cercato di individuare profili di inclinazione ottimali.  Il lavoro è iniziato montando dei sensori, direttamente su una turbina in scala ridotta, a sua volta accoppiata ad un ottimizzatore funzionante con algoritmi genetici di apprendimento. Di cosa si tratta? Di una particolare tipologia di algoritmi euristici basati sul principio della selezione naturale.

Quindi muovendo la pala avanti e indietro con angoli, velocità e ampiezze diverse, hanno generato una serie di profili di inclinazione. “Come in un processo evolutivo, l’algoritmo ha selezionato i profili più efficienti e robusti e ha ricombinato i loro tratti per generare una ‘progenie’ nuova e migliorata”. Questo approccio ha permesso a Le Fouest e Mulleners non solo di identificare due serie di profili di passo che contribuiscono a migliorare significativamente l’efficienza e la robustezza della macchina, ma anche di trasformare la più grande debolezza delle turbine eoliche ad asse verticale in un punto di forza. I risultati sono riportati su un articolo recentemente pubblicato sulla rivista Nature Communications.

leggi anche Il primo parco eolico galleggiante d’Italia ottiene l’autorizzazione

Rinnovabili •
About Author / Stefania Del Bianco

Giornalista scientifica. Da sempre appassionata di hi-tech e innovazione energetica, ha iniziato a collaborare alla testata fin dalle prime fasi progettuali, profilando le aziende di settore. Nel 2008 è entrata a far parte del team di redattori e nel 2011 è diventata coordinatrice di redazione. Negli anni ha curato anche la comunicazione e l'ufficio stampa di Rinnovabili.it. Oggi è Caporedattrice del quotidiano e, tra le altre cose, si occupa quotidianamente delle novità sulle rinnovabili, delle politiche energetiche e delle tematiche legate a tecnologie e mercato.