Mobilità sostenibile: nel 2030 due auto su tre saranno EV

Politiche sulle emissioni, costi della tecnologia in calo verticale, più attenzione da parte dei cittadini: sono questi i fattori che porteranno a una diffusione capillare delle auto elettriche nel giro di 15 anni

Mobilità sostenibile: nel 2030 due auto su tre saranno EV

 

(Rinnovabili.it) – Le auto elettriche conquisteranno le grandi città di tutto il mondo nel giro di 15 anni. Gli EV potrebbero rappresentare il 60% del traffico urbano in luoghi come Londra, Amsterdam, Stoccolma o Singapore grazie alla convergenza virtuosa di tre fattori: regolamenti più stringenti sulle emissioni, costi della tecnologia in forte e costante calo, e un maggiore interesse da parte dei consumatori. È la previsione contenuta in un denso report di McKinsey e Bloomberg New Energy Finance sul futuro della mobilità sostenibile in ambito urbano presentato ieri.

Una diffusione – quella dei veicoli elettrici – che entro il 2030 diventerà sì massiccia e capillare, ma soltanto nelle metropoli e nelle aree urbane più ricche. Secondo gli autori dello studio, tra 15 anni la mobilità mondiale non apparirà tutto sommato molto diversa da come è ora, ma ci saranno cambiamenti e tendenze importanti su scala minore.

 

Punto imprescindibile affinché lo scenario delineato nel rapporto si realizzi è la prosecuzione di politiche di contenimento delle emissioni da parte di Stati e amministrazioni locali. Pacchetti legislativi che incentivano certamente l’industria a sviluppare tecnologie più efficienti e a costi più contenuti. La tendenza è già in atto e stando al rapporto ci sono tutti gli elementi perché continui anche in futuro. Il costo di una batteria a ioni di litio è crollato del 65% tra 2010 e 2015, passando da 1.000 dollari/kWh ad appena 350. E nel prossimo decennio il prezzo dovrebbe scendere ulteriormente fino a 100 dollari/kWh.

Diverso il futuro della mobilità sostenibile previsto per le megalopoli di paesi in via di sviluppo, ad esempio Mumbai, Nuova Delhi o Città del Messico. In questi casi, secondo il report, pesa infatti una rapida urbanizzazione, un traffico congestionato e una conseguente qualità dell’aria molto scarsa. Se, da un lato, gli EV potrebbero prendere piede nel trasporto pubblico, in quello privato la tendenza sembra essere quella della condivisione: car sharing e car pooling, si legge nel rapporto, potrebbero rappresentare la metà degli spostamenti urbani nel 2030.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui